Oggi è 23/05/2019

Eventi

Un caffè con Sarina Ingrassia (Intervista del 7 Settembre 2013)

Devo intervistare Sarina, cosa chiedere ad una donna come lei? Non posso fare domande banali a chi ha lottato contro la banalità e ha creduto fermamente che la vita si misura in periodi entusiasmanti, tutti belli a loro modo.

Pubblicato il 7 settembre 2013

Un caffè con Sarina Ingrassia (Intervista del 7 Settembre 2013)

Arrivo puntuale, sollevo la tenda leggera, la porta è aperta, lei accovacciata sul tavolo è intenta a leggere. Non solleva neppure lo sguardo per vedere chi sta entrando, non era importante, perché LA PORTA E’ SEMPRE APERTA, UNA PORTA, DAL MOMENTO CHE LA APRI NON PUOI PIU’ CHIUDERLA (Di quale porta parla?).

La raggiungo, cerco di capire se mi sta aspettando : “Ricorda che avevamo un appuntamento?”, “Certo! Entra entra…”, alza lo sguardo e sorride. Ci salutiamo calorosamente e d’un tratto ho l’impressione di conoscerla da sempre.

Stavo leggendo questo libro incuriosita dal titolo, alla fine mi sono appassionata tanto da non riuscire a staccare dal leggere! Sapevate che Cina e India nel ‘700 erano vere e proprie potenze economiche e culturali? E adesso stanno rinascendo.. America ed Europa si credono superiori, invece, non lo sono affatto!-

Così lei è Sarina, 90 anni sulla carta d’identità, mentre sul volto, decisamente più giovane, l’attraversano come spiriti tra mente e cuore  mille storie.

 

Sarina, cosa l’ha spinta a realizzare tutto questo?

Ride di petto, ride di cuore.

Intanto tutto questo lo vedete voi e lo vedono tutti quelli di fuori. A me, invece, m pare di aver vissuto seduta a guardare un film la cui trama si sviluppava da sola; non mi sento l’iniziatrice, sento, invece, che tutto sia accaduto da sé. Se provaste a chiudere la porta, la gente la spingerebbe perché la gente che ha bisogno non guarda né l’orario, né se c’è gente.

 

Cosa c’era agli albori in questa casa?

Altra risata dolce, mai beffarda.

– Non c’era niente, era chiusa, abbandonata, puzzolente. Io e un gruppo di volontari l’abbiamo ripulita. Si c’era un bel gruppo di volontari, perché, qui apro una parentesi, da soli non si fa niente, bisogna stare con gli altri in qualche modo, in qualunque modo. Così divenne la casa di tutti.

L’ospitalità era selvaggia, non esistevano negli anni ’70 Servizi differenziati a seconda delle esigenze, era un centro d’emergenza. Da qui sono passate ragazze madri, tossicodipendenti, bambini.

Inizialmente ci recavamo al carcere minorile ma presto si pensò di avviare un’attività preventiva che potesse in qualche modo arginare il numero di minori istituzionalizzati.

Così cominciammo a guardarci intorno. C’erano in tutto 50 minori in colleggio e allora abbiamo cominciato a conoscerne tutte le famiglie e così scoprimmo che su 50 bambini sono 4 avevano un tessuto familiare sfaldato, il resto poteva tornare a casa e sostenuto con servizi sul territorio.

Le famiglie erano analfabete, i bambini avevano bisogno di essere sostenuti nell’apprendimento, dovevano andare a scuola, così, non essendoci pulmini comunali organizzammo un servizio di trasporto concordando il prezzo con un privato. Così vincemmo quella battaglia.

Il bisogno di un riferimento scolastico fu presto lampante, così ci attrezzammo di libri, quaderni e materiale didattico; alcuni bambini ci chiedevano di conservare i loro quaderni perché a casa i fratellini li avrebbero strappati.

E’ importante la lettura del territorio, non hanno effetto i progetti che nascono al di fuori del contesto per cui nascono. Vivendo la realtà del territorio impari quali sono i veri bisogni.

 

Quali sono i bisogni più urgenti del quartiere?

Le carenze si profilano maggiormente sotto il profilo socio-culturale.

Si ci sono difficoltà economiche ma se dovessi scegliere tra dare pane e dare cultura, sceglierei la cultura. In fondo nelle nostre società ormai nessuno muore di fame, della cultura non è facile percepirne il bisogno.

La maggior parte dei nostri ragazzi, del nostro quartiere, restano senza licenzia media o se l’ottengono è perché li promuovono per mandarli via. Analfabeti sono e analfabeti rimangono.

Un’altra esigenza pregnante è il lavoro con le famiglie, soprattutto con le mamme alle quali è delegata la responsabilità dell’educazione dei figli.

Sin dall’inizio abbiamo programmato incontri con le mamme del quartiere, prima sporadici, da circa 20anni ogni 15 giorni con il supporto di Assistenti Sociali, Psicologi e Psicomotricisti.

Quest’anno per esempio, le mamme stanno leggendo alcuni capitoli del piccolo principe. A volte le sento e penso: stanno diventando tutte psicologhe!.

Nel pomeriggio la porta è aperta per i bambini, per il sostegno scolastico.

E’ faticoso, perché i problemi che non si risolvono a scuola non si risolvono con il sostegno, tuttavia, quello che veramente importa è che si sentano accolti.

E’ stato un punto di riferimento per tanti, mi dicono è sbalorditivo! Ma io non ho fatto niente!!.

 

Cosa pensa dei Servizi Sociali del Comune di Monreale?

Tutto il lavoro svolto è sempre stato fatto raccordandoci con i servizi sociali territoriali e con le scuole.

Lo conosco benissimo il Servizio.

Ci fu un periodo in cui vi erano 6 Assistenti Sociali, fu un periodo di Auge.

3 dividevano il lavoro tra le frazioni e i vari quartieri, si lavorò bene, si fecero molte cose.

Adesso però, che il numero si è ristretto a 2, mi rendo conto di quanto sia difficile.

Da sempre invoco l’aiuto in particolare degli operatori di strada che stiano un po’ per strada con i giovani.

Non a pigliarli bisogna vivere con loro, non serve tirarli.

E’ lì che bisogna battere, la strada.

Se questo buco ha potuto dare un servizio è perché la porta è sempre aperta, la casa è sulla strada e la strada è nella casa.

La gente ha bisogno di fiducia.

Per loro i potenti sono dall’altra parte.

Quando sono venuta ad abitare qua, una vicina, dopo esser stata visitata da un medico, mi portò la ricetta e mi chiese se i medicinali prescritti fossero buoni. Ecco io non sono né medico né farmacista! (ride).

Loro hanno bisogno di fiducia, di credere nelle persone con cui parlano.

Noi isolani, siamo per natura diffidenti, la storia, con tutte le dominazioni che sono passate ci ha reso così, non ci fidiamo perché ci hanno sempre sfruttato.

 

Cosa rifarebbe o cosa cambierebbe?

Rifarei tutto! (ride ancora) perché tutte le volte che ho fatto delle scelte le ho fatte LIBERAMENTE; in quel momento le ho fatte credendo che fosse la cosa migliore da fare, quindi di cosa mi dovrei pentire? Quando vedo casi nuovi, difficili, inizialmente penso perché non passano all’altra porta? Poi si fermano e pian piano le cose si risolvono.

 

Può raccontarci un episodio tra tanti che le è rimasto impresso? 

Ce ne sono tantissimi…. una donna uscita dal manicomio criminale, in cui era stata rinchiusa dopo aver ucciso una bambina mentre le faceva il bagnetto, venne a stare da noi.

Ben presto smise di prendere medicine e riuscì a condurre una vita più o meno serena.

Una volta mi disse: “Io qua mi sento persona, perché se viene qualcuno io gli posso offrire il caffè!!”

A proposito volete caffè?

Esce dalla credenza le tazze nuove, le sue preferite dice, e due latte contenenti biscotti.

Si lascia aiutare nella preparazione, mi sento a casa mia.

Poi capisco, quella porta è aperta come il suo cuore.

Non chiede chi sei, cosa vuoi. Entri nella sua vita, prendi un caffè e te ne vai per la tua strada grata di aver visto tanta ricchezza in pochi metri quadrati, e te ne porti via un po’, un po’ di lei che non appartiene a nessuno e che è di tutti.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Commemorazioni, diserzioni, prese di posizione e contestazioni: un giorno non qualunque a Palermo

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2019 - Nella giornata di commemorazione della strage di Capaci il dibattito a Palermo ruota su più tematiche, tutte - purtroppo - squisitamente politiche o ideologiche. Si è infatti parlato molto di prese di posizione, diserzioni, propaganda e pseudo comizi elettorali in vista d..

    Continua a Leggere

  • Giorno del ricordo di Falcone, Salvini: “Chi si divide sulla lotta alla mafia sbaglia”

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2019 - "Chi si divide sulla lotta alla mafia, chi usa una giornata di memoria e di futuro per fare la sua piccola battaglia politica sbaglia e fa un torto a Falcone, a Borsellino, alla memoria di tutti gli altri martiri e al Paese intero",

    Continua a Leggere

  • Digitale e analogico, due facce della stessa medaglia

    Eventi

    Si è svolto a Torino, presso l'Istituto Maria Consolatrice, il convegno “Innovare la didattica con il digitale: istruzioni per l'uso”. Gli interventi del dott. Leonetti, docente e tutor di Master presso LTE- Laboratorio Tecnologie dell'Educazione, e della dott.ssa Volpi, Psicologa e Specia..


  • Falcone, il sindaco di Monreale in aula bunker a fianco delle scuole

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2019 - “Ho voluto condividere questo importante momento con gli studenti, i dirigenti scolastici e i docenti presenti oggi alla cerimonia istituzionale, in memoria delle stragi in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, Francesca Morvillo e gli agenti ..

    Continua a Leggere

  • “The Shock”, il monrealese Gaetano La Corte sfida il campione italiano di K-1

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2019 – “In questo periodo ci siamo allenati tanto e ce la metteremo tutta per farcela”. Gaetano La Corte, è scaramantico, non si sbilancia, preferisce dir poco sulla sfida che lo attende sabato 25 maggio al Conca D’Oro di Palermo. “The Shock”, al centro comm..

    Continua a Leggere

  • Trova la fidanzata con uno sconosciuto e lo pesta selvaggiamente. Arrestato il 30enne Antonio Cannata

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2019 - Il 30enne palermitano Antonio Cannata è stata tratto in arresto questa mattina dai carabinieri del nucleo investigativo di Palermo. Il giovane è stato identificato come l'autore dell'aggressione ai danni dell'imprenditore Giovanni Caruso, gestore del ristorante Dorian, av..

    Continua a Leggere

  • Orlando diserta l’aula bunker: “Trasformata in piazza per comizi”

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2019 -Oltre il presidente della Regione, Nello Musumeci, e Claudio Fava anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha deciso di disertare la cerimonia di commemorazione per le vittime della strage di Capaci nell'aula Bunker. Orlando è andato vi..


  • Sotto Monreale centinaia di metri di gallerie. Presente anche un corso d’acqua, ma è presto per parlare di fruibilità

    Eventi

    [gallery ids="104216,104217,104218,104215,104271,104270,104272"]

    Monreale, 23 maggio 2019 - Questa mattina un gruppo di speleologi è sceso nella grotta sotterranea situata al di sotto di piazza Vittorio Emanuele, accedendovi dalla piramide a vetri. La grotta potrebbe..


  • Palermo ricorda le vittime della mafia: iniziative e piazze piene oggi. Ma la polemica è dietro l’angolo

    Eventi

    Palermo, 23 maggio 2019 - Sono appena sbarcati i centinaia di studenti proveniente da tutta Italia per commemorare, nella data di oggi, la strage di Capaci, in cui furono brutalmente uccisi il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dici..


  • Assicurazione auto Genialloyd: ecco perchè tutti la scelgono!

    Eventi

    La Compagnia assicurativa del gruppo Allianz, Genialloyd, nasce a Milano nel 1996. Solo due anni dopo lancia il canale online ed è tra le prime ad offrire la comodità e la convenienza di questa modalità di servizio. Nel mondo delle polizze auto è certamente una delle più scelte, grazie ai tanti..


  • Incendio sul Monte Caputo, domato da un canadair

    Eventi

    Monreale, 22 maggio 2019 - Nel primo pomeriggio di oggi si è sviluppato un incendio boschivo su monte Caputo.  Le fiamme si sono sviluppate in una zona impervia, quindi è necessario l'intervento di un canadair proveniente da Lamezia. L'intervento è durato dalle 15 alle 16:30.  ..


  • Come le piattaforme di scommesse invogliano i giocatori a scommettere

    Eventi

    “La concorrenza è l’anima del commercio” è un mantra per chi decide di immettere il proprio prodotto sul mercato e, di sicuro, non fanno eccezione le piattaforme di betting online, che puntano ad invogliare potenzi..


  • Una Monreale sotterranea potrebbe tornare fruibile. Domani sopralluogo della Pro Loco

    Eventi

    Monreale potrebbe diventare un'attrazione turistica, oltre per la Cattedrale, anche per le bellezze che esistono sottosuolo. Domani, a partire dalle 9, la Pro Loco Monreale scenderà nella grotta situata sotto la piramide di vetro in piazza Vittorio Emanuele. L'obiettivo degli organizzatori è ..


  • H&M costruzioni alla ricerca di diverse figure professionali

    Eventi

    Monreale, 22 maggio 2019 - In campo da oltre 15 anni, H&M costruzioni s.r.l. offre opportunità di lavoro nel campo edile. Diverse sono le figure professionali ricercate dall'azienda, da inserire all'interno del team.

    In questi mesi sono numerose le commesse prese in carico da H&am..


  • La Monreale che vuole cambiare: due volontari ripuliscono l’edicola votiva in via Venero

    Eventi

    Monreale, 22 maggio 2019 - La voglia di cambiamento si vede da tante cose: da un cambio di politica, sicuramente, ma anche e soprattutto dagli atteggiamenti dei cittadini. E oggi diamo risalto ad due volenterosi cittadini che si sono rimboccati le maniche per fare qualcosa per la propria città. ..


  • Un talento monrealese in TV. Sabato prossimo nel programma “A sua immagine” l’intervista al maestro ceramista Giuliano

    Eventi

    Monreale, 22 maggio 2019 - Ieri, presso la fabbrica di ceramiche Nicolò Giuliano, sita in via Circonvallazione 55, sono state girate le riprese per la trasmissione "A sua immagine", noto programma televisivo in onda su Rai 1. Durante le riprese è stato intervistato il maestro Giuliano ed è sta..


  • Bonifica dell’Oreto e del Sant’Elia: questa mattina Arcidiacono a Villa Niscemi per l’incontro del Fai

    Eventi

    Monreale, 22 maggio 2019 - Si è tenuto questa mattina a Villa Niscemi l'incontro promosso dal Fai per la salva..


  • Rivoluzione tecnologica al Duomo: in arrivo la nuova app che soddisferà tutte le curiosità dei visitatori

    Eventi

    Monreale, 22 maggio 2019 - Sarà presentata il prossimo 31 maggio, alle 11.30, presso la cappella di San Benedetto all'interno della Basilica di Monreale, la prima app del Duomo di Monreale. Uno strumento semplice e intuitivo, essenziale e veloce che consentirà a chiunque di varcare la porta della ..