Oggi è 21/01/2018

Eventi

Un caffè con Sarina Ingrassia (Intervista del 7 Settembre 2013)

Devo intervistare Sarina, cosa chiedere ad una donna come lei? Non posso fare domande banali a chi ha lottato contro la banalità e ha creduto fermamente che la vita si misura in periodi entusiasmanti, tutti belli a loro modo.

Pubblicato il 7 settembre 2013

Un caffè con Sarina Ingrassia (Intervista del 7 Settembre 2013)

Arrivo puntuale, sollevo la tenda leggera, la porta è aperta, lei accovacciata sul tavolo è intenta a leggere. Non solleva neppure lo sguardo per vedere chi sta entrando, non era importante, perché LA PORTA E’ SEMPRE APERTA, UNA PORTA, DAL MOMENTO CHE LA APRI NON PUOI PIU’ CHIUDERLA (Di quale porta parla?).

La raggiungo, cerco di capire se mi sta aspettando : “Ricorda che avevamo un appuntamento?”, “Certo! Entra entra…”, alza lo sguardo e sorride. Ci salutiamo calorosamente e d’un tratto ho l’impressione di conoscerla da sempre.

Stavo leggendo questo libro incuriosita dal titolo, alla fine mi sono appassionata tanto da non riuscire a staccare dal leggere! Sapevate che Cina e India nel ‘700 erano vere e proprie potenze economiche e culturali? E adesso stanno rinascendo.. America ed Europa si credono superiori, invece, non lo sono affatto!-

Così lei è Sarina, 90 anni sulla carta d’identità, mentre sul volto, decisamente più giovane, l’attraversano come spiriti tra mente e cuore  mille storie.

 

Sarina, cosa l’ha spinta a realizzare tutto questo?

Ride di petto, ride di cuore.

Intanto tutto questo lo vedete voi e lo vedono tutti quelli di fuori. A me, invece, m pare di aver vissuto seduta a guardare un film la cui trama si sviluppava da sola; non mi sento l’iniziatrice, sento, invece, che tutto sia accaduto da sé. Se provaste a chiudere la porta, la gente la spingerebbe perché la gente che ha bisogno non guarda né l’orario, né se c’è gente.

 

Cosa c’era agli albori in questa casa?

Altra risata dolce, mai beffarda.

– Non c’era niente, era chiusa, abbandonata, puzzolente. Io e un gruppo di volontari l’abbiamo ripulita. Si c’era un bel gruppo di volontari, perché, qui apro una parentesi, da soli non si fa niente, bisogna stare con gli altri in qualche modo, in qualunque modo. Così divenne la casa di tutti.

L’ospitalità era selvaggia, non esistevano negli anni ’70 Servizi differenziati a seconda delle esigenze, era un centro d’emergenza. Da qui sono passate ragazze madri, tossicodipendenti, bambini.

Inizialmente ci recavamo al carcere minorile ma presto si pensò di avviare un’attività preventiva che potesse in qualche modo arginare il numero di minori istituzionalizzati.

Così cominciammo a guardarci intorno. C’erano in tutto 50 minori in colleggio e allora abbiamo cominciato a conoscerne tutte le famiglie e così scoprimmo che su 50 bambini sono 4 avevano un tessuto familiare sfaldato, il resto poteva tornare a casa e sostenuto con servizi sul territorio.

Le famiglie erano analfabete, i bambini avevano bisogno di essere sostenuti nell’apprendimento, dovevano andare a scuola, così, non essendoci pulmini comunali organizzammo un servizio di trasporto concordando il prezzo con un privato. Così vincemmo quella battaglia.

Il bisogno di un riferimento scolastico fu presto lampante, così ci attrezzammo di libri, quaderni e materiale didattico; alcuni bambini ci chiedevano di conservare i loro quaderni perché a casa i fratellini li avrebbero strappati.

E’ importante la lettura del territorio, non hanno effetto i progetti che nascono al di fuori del contesto per cui nascono. Vivendo la realtà del territorio impari quali sono i veri bisogni.

 

Quali sono i bisogni più urgenti del quartiere?

Le carenze si profilano maggiormente sotto il profilo socio-culturale.

Si ci sono difficoltà economiche ma se dovessi scegliere tra dare pane e dare cultura, sceglierei la cultura. In fondo nelle nostre società ormai nessuno muore di fame, della cultura non è facile percepirne il bisogno.

La maggior parte dei nostri ragazzi, del nostro quartiere, restano senza licenzia media o se l’ottengono è perché li promuovono per mandarli via. Analfabeti sono e analfabeti rimangono.

Un’altra esigenza pregnante è il lavoro con le famiglie, soprattutto con le mamme alle quali è delegata la responsabilità dell’educazione dei figli.

Sin dall’inizio abbiamo programmato incontri con le mamme del quartiere, prima sporadici, da circa 20anni ogni 15 giorni con il supporto di Assistenti Sociali, Psicologi e Psicomotricisti.

Quest’anno per esempio, le mamme stanno leggendo alcuni capitoli del piccolo principe. A volte le sento e penso: stanno diventando tutte psicologhe!.

Nel pomeriggio la porta è aperta per i bambini, per il sostegno scolastico.

E’ faticoso, perché i problemi che non si risolvono a scuola non si risolvono con il sostegno, tuttavia, quello che veramente importa è che si sentano accolti.

E’ stato un punto di riferimento per tanti, mi dicono è sbalorditivo! Ma io non ho fatto niente!!.

 

Cosa pensa dei Servizi Sociali del Comune di Monreale?

Tutto il lavoro svolto è sempre stato fatto raccordandoci con i servizi sociali territoriali e con le scuole.

Lo conosco benissimo il Servizio.

Ci fu un periodo in cui vi erano 6 Assistenti Sociali, fu un periodo di Auge.

3 dividevano il lavoro tra le frazioni e i vari quartieri, si lavorò bene, si fecero molte cose.

Adesso però, che il numero si è ristretto a 2, mi rendo conto di quanto sia difficile.

Da sempre invoco l’aiuto in particolare degli operatori di strada che stiano un po’ per strada con i giovani.

Non a pigliarli bisogna vivere con loro, non serve tirarli.

E’ lì che bisogna battere, la strada.

Se questo buco ha potuto dare un servizio è perché la porta è sempre aperta, la casa è sulla strada e la strada è nella casa.

La gente ha bisogno di fiducia.

Per loro i potenti sono dall’altra parte.

Quando sono venuta ad abitare qua, una vicina, dopo esser stata visitata da un medico, mi portò la ricetta e mi chiese se i medicinali prescritti fossero buoni. Ecco io non sono né medico né farmacista! (ride).

Loro hanno bisogno di fiducia, di credere nelle persone con cui parlano.

Noi isolani, siamo per natura diffidenti, la storia, con tutte le dominazioni che sono passate ci ha reso così, non ci fidiamo perché ci hanno sempre sfruttato.

 

Cosa rifarebbe o cosa cambierebbe?

Rifarei tutto! (ride ancora) perché tutte le volte che ho fatto delle scelte le ho fatte LIBERAMENTE; in quel momento le ho fatte credendo che fosse la cosa migliore da fare, quindi di cosa mi dovrei pentire? Quando vedo casi nuovi, difficili, inizialmente penso perché non passano all’altra porta? Poi si fermano e pian piano le cose si risolvono.

 

Può raccontarci un episodio tra tanti che le è rimasto impresso? 

Ce ne sono tantissimi…. una donna uscita dal manicomio criminale, in cui era stata rinchiusa dopo aver ucciso una bambina mentre le faceva il bagnetto, venne a stare da noi.

Ben presto smise di prendere medicine e riuscì a condurre una vita più o meno serena.

Una volta mi disse: “Io qua mi sento persona, perché se viene qualcuno io gli posso offrire il caffè!!”

A proposito volete caffè?

Esce dalla credenza le tazze nuove, le sue preferite dice, e due latte contenenti biscotti.

Si lascia aiutare nella preparazione, mi sento a casa mia.

Poi capisco, quella porta è aperta come il suo cuore.

Non chiede chi sei, cosa vuoi. Entri nella sua vita, prendi un caffè e te ne vai per la tua strada grata di aver visto tanta ricchezza in pochi metri quadrati, e te ne porti via un po’, un po’ di lei che non appartiene a nessuno e che è di tutti.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Spezia Vs Palermo: 0-0 

    Eventi

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Il mister Tedino temeva la sosta per un eventuale calo di tensione che lui aveva accuratamente creato come una corda di violino. Ma la gara ha dimostrato che il Palermo c’era e ha trovato uno Spezia che ha costruito la salvezza proprio in casa con un ott..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia, arrestato Giuseppe Biondino, il figlio dell’autista di Totò Riina

    Eventi

    [gallery ids="49673,49674,49675,49676,49677"] Palermo, 21 gennaio 2018 - Nuova operazione antimafia nel mandamento di San Lorenzo. La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fugg..

    Continua a Leggere

  • Un albero per ogni nuovo nascituro. A Monreale piantumato solo il 5% di piante rispetto a quanto previsto dalla legge

    Eventi

    Monreale, 21 gennaio 2018 - Quante volte passeggiando per le strade ci siamo chiesti quanto sarebbe bella e accogliente un’area se solo fosse più verde? E quante altre dopo gli incendi devastanti abbiamo pensato al danno provocato e alle ricadute sull’ambiente? E pensare che og..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a Palermo, giovane si lancia dal ponte Oreto: intervengono i vigili del fuoco

    Eventi

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Un giovane si è lanciato ieri sera dal ponte di via Oreto. Un ponte già tristemente noto per fatti del genere. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti di polizia. Al momento non si conoscono le generalità del giovane che è finito contro il cemen..

    Continua a Leggere

  • Palermo, in sostegno di Biagio Conte una delegazione belga

    Eventi

    Palermo, 20 gennaio 2018 - In mattinata una delegazione Belga ha portato la ..


  • Bimbo folgorato a Palermo: restano gravi le sue condizioni

    Eventi

    Palermo, 20 gennaio 2018 - Prognosi riservata per il bimbo di sette anni che ieri pomeriggio è rimasto ustionato al volto e alle mani da una scarica elettrica in via Gaspare Palermo. Il piccolo, secondo una prima ricostruzione per gioco avrebbe aperto una cassetta dell’Enel e giocando con un..

    Continua a Leggere

  • Partinico, nel bene confiscato a Cosa nostra sorge la nuova guardia medica

    Eventi

    Partinico, 20 gennaio 2018 - «Un bene confiscato alla mafia  diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il..

    Continua a Leggere

  • Rientra (per ora) l’emergenza. I rifiuti trasportati a Lentini a 230 km da Monreale

    Eventi

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Rientra, almeno per ora, l’emergenza rifiuti nei 50 comuni interessati dalla chiusura di Bellolampo, tra cui Monreale, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Corleone. Gli autocompattatori erano stati dirottati fino allo scorso 18 gennaio a Motta Sant’Anastasia,..

    Continua a Leggere

  • Elezioni politiche, gli attivisti M5s incontrano i cittadini. Gli appuntamenti

    Eventi

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Le elezioni politiche 2018 si avvicinano, la campagna elettorale è cominciata e sarà al centro dell'attenzione per due mesi.  Gli attivisti del Movimento 5 Stelle,  per pubblicizzare e diffondere i punti salienti del programma di lavoro che il Movimento si ..

    Continua a Leggere

  • «Pronti a occupare l’assessorato ai Rifiuti», sit-in dei sindaci a Palazzo d’Orleans

    Eventi

    Palermo, 19 gennaio 2018 - «Diteci dove dobbiamo andare a gettare i rifiuti dei nostri comuni». Questo pomeriggio si è svolto il sit-in di una nutrita delegazione di sindaci dei comuni esclusi dal conferimento dei rifiuti a Bellolampo. Ieri è arrivato anche lo stop anche dalla discarica Oikos di..

    Continua a Leggere

  • Terreni da coltivare per i giovani. Un’opportunità di fare impresa per chi ha voglia di “sporcarsi le mani”

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Terreni incolti ai giovani grazie alla Banca della Terra, un’opportunità di fare impresa per tutti quei giovani di età compresa tra i 18 e i 40 che hanno voglia di “sporcarsi le mani”. L'iniziativa è gestita dall’ISMEA, entro il 3 feb..

    Continua a Leggere

  • Picco influenza 2018, arriva un virus poco atteso. Mezzo milione di siciliani a letto entro fine mese

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Saranno almeno mezzo milione i siciliani che fra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio dovranno fare i conti con l'influenza stagionale. Le varie forme influenzali ivi comprese quelle meno aggressive colpiranno quasi metà della popolazione isolana. Le statistich..

    Continua a Leggere

  • Maxi sequestro di droga a Carini, 1500 chili di hashish e cocaina VIDEO

    Eventi

    Carini, 19 gennaio 2018 - La Polizia di Stato ha sequestrato un ingentissimo carico di droga ed arrestato tre soggetti, un campano e due residenti a Carini. Gli Agenti della Squadra Mobile di Palermo, ieri sera, hanno bloccato, mentre accedeva nell’area ..

    Continua a Leggere

  • MONREALEXIT, la giunta di San Giuseppe Jato e Comitato insieme per il riordino dei confini

    Eventi

    San Giuseppe Jato, 19 gennaio 2018 - Sono 160 i cittadini monrealesi che vogliono diventare jatini: «Vogliamo pagare le tasse a San giuseppe Jato». Intanto l'amministrazione jatina e il comitato per il riordino uniscono le forze. «Disponibilità da parte di tutti gli interessati nel processo di r..

    Continua a Leggere

  • Monreale. A giorni la firma del contratto per i 9 ausiliari del traffico in attesa dal 2 gennaio

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Potrebbe finire a breve l’attesa per i 9 lavoratori della ACS  (Automobile Club Servizi s.r.l.) di Palermo, il cui contratto di lavoro è scaduto il 31 dicembre, e che attendono la definizione di alcuni aspetti burocratici per firmare il nuovo cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale, domani Ted Formazione a Casa Cultura presenta le opportunità per chi termina la terza media

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Ted, la scuola dei mestieri, presenta ai monrealesi i propri corsi di formazione professionale che saranno attivati anche per il prossimo anno scolastico a Monreale e presso le altre sedi della provincia di Palermo di Carini, Corleone, Misilmeri, Belmonte Mezzagno e Paler..

    Continua a Leggere

  • I carabinieri ispezionano numerose aziende, 39 irregolari e 119 lavoratori in nero

    Eventi

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Il nucleo operativo del gruppo carabinieri per la tutela del lavoro ed i nuclei carabinieri ispettorato del lavoro, hanno effettuato, su tutto il territorio siciliano, una serie di ispezioni nei confronti di aziende edili, a..

    Continua a Leggere

  • Circolare da soli su strada. Al P. Novelli simulato un percorso stradale con segnaletica, strisce pedonali, limiti e divieti

    Eventi

    Monreale, 19 gennaio 2018 - La strada è di tutti… è il luogo dove convergono le vite, le esperienze, i bisogni e le necessità di ogni individuo. Lo "strumento prioritario" che ci permette di muoverci, di scoprire il mondo, di incontrarci, di intrecciare il cammino tra simili. R..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale