Gli animalisti lanciano la sfida al sindaco: “Vogliamo il confronto con Di Matteo!”

0
Araba Fenice desk

 

Continua senza fine la diatriba sul problema randagi tra le associazioni animaliste monrealesi e l’amministrazione Di Matteo.

Il 15 luglio Filo Diretto aveva dato voce al sindaco di Monreale Filippo Di Matteo che mostrava avere l’intenzione di stemperare i toni in merito alla questione randagi. Di Matteo rispondeva alle richieste degli animalisti dichiarando che presto sarà realizzato un presidio sanitario per gli animali randagi presso Giacalone e che quello dei randagi è un problema che sta a cuore all’attuale amministrazione.

La risposta del primo cittadino, tuttavia, non è andata giù al presidente dell’Associazione UNA di Monreale il quale risponde a tono a Di Matteo. “Il sindaco Di Matteo, in merito all’intervista rilasciata da filodirettomonreale.it, in data 15/7/2013, continua ad annunciare e non fare e conseguentemente mente sapendo di mentire in merito alla lotta al randagismo e alla tutela degli animali”.

Ed ecco la sfida vera e propria che gli animalisti monrealesi lanciano a Di Matteo: “Lanciamo una sfida di un confronto che lui probabilmente non vorrà, per smentirlo con dati di fatto – dichiara Giuseppe Lo Vecchio, Presidente di UNA Monreale. – Avrebbe fatto meglio a tacere ed avviare un’indagine ispettiva interna, per verificare tutte le inadempienze ed omissioni nonché la fine riservata a tanti cani e cuccioli consegnati e recuperati dal Comune di Monreale attraverso i suoi “boiacani’’.”

Sono troppo incrinati, ormai, i rapporti tra amministrazione comunale e animalisti i quali dichiarano di non nutrirne più alcuna fiducia. “Come Associazione abbiamo determinato di non intrattenere più alcun rapporto con questa Amministrazione latitante e dato incarico ad un legale Dottoressa Cecilia Viola di svolgere un’indagine di parte che metta nelle condizioni il Pubblico Ministero incaricato di svolgere le indagini con una rapida istruttoria”.

 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com