Oggi è 16/01/2018

Cronaca

L’IMMIGRAZIONE AI GIORNI NOSTRI

Di Girolamo Mirto

Pubblicato il 14 luglio 2013

L’IMMIGRAZIONE AI GIORNI NOSTRI

Prendo spunto dalla recente visita di Papa Francesco a Lampedusa per fare alcune riflessioni sul fenomeno dell’immigrazione.

Oggi tutti noi siamo dei barbari, con il nostro esasperato individualismo, che ci rende incapaci di farci carico personalmente dei bisogni degli altri, perché troppo intenti ad inseguire l’effimero, che le mode ci impongono.

Oggi siamo sordi ai bisogni altrui, siamo egoisti, siamo intolleranti.

L’indifferenza che oggi ci caratterizza porta a farci dimenticare il valore dell’accoglienza, del soccorso verso gli ultimi, gli umili, i meno fortunati rispetto a noi.

Gli immigrati fuggono disperatamente dai luoghi di origine: fuggono dalla fame, dalla guerra, dalla mancanza di libertà, dalla schiavitù.

Fuggono abbandonando indietro gli affetti familiari, la propria terra, le proprie tradizioni, la propria storia e cultura. E tutto ciò crea in loro una profonda lacerazione interiore.

Fuggono attraversando il mare, non curanti spesso del rischio che ciò comporta: la morte, per molti di loro, per sfinimento, disidratazione, annegamento.

Fuggono nella speranza di raggiungere la Terra Promessa, dove trovare pace, serenità, lavoro, cibo, acqua, rispetto per la dignità umana.

Ma questo viaggio, questa traversata si infrange sugli scogli di una Terra dove spesso regna l’indifferenza, il rifiuto, l’emarginazione.

L’Italia ha dimenticato di essere stato, tra fine 800 e i primi del 900, un Paese di emigranti.        

E, con poca memoria, sta riservando ora un trattamento indegno a chi viene da noi, in cerca di pane, pace, serenità.

Dovremmo, noi occidentali, ricordarci di essere tutti quanti figli dello stesso Dio, se si è credenti, oppure figli della stessa Terra, se non si è credenti. Siamo tutti quanti fratelli. Il colore della pelle, il luogo di nascita, la cultura d’origine, la lingua, la religione, non dovrebbero comportare alcuna divisione, alcuna selezione: dovremmo ricordarci che siamo tutti fratelli e come tali favorire l’accoglienza, l’integrazione.

Non deludiamo gli immigrati, mostrandoci sordi ai loro bisogni, ai loro richiami, alle loro grida di dolore e sofferenza; non mostriamoci egoisticamente chiusi a difendere i nostri meschini interessi materiali.

Vorrei ricordare due articoli della Costituzione Italiana, che a tutt’oggi, in barba a chi la critica e la ritiene vetusta, mostra di essere sempre attuale, originale.

L’art. 3 della Costituzione Italiana recita : ”Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

L’art. 10 della nostra Costituzione recita: ”Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione Italiana, ha diritto di asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge”.

Che modernità, che attualità della nostra Costituzione!

Con il moderno sviluppo dei mezzi di comunicazione e di trasporto, oggi, le distanze geografiche sono state fortemente accorciate; tutte le società sono destinate a divenire multietniche.

Ciò non sta a significare la demolizione della nostra identità, della nostra lingua, della nostra cultura, della nostra storia, della nostra religione. Anzi, il valore dell’accoglienza, dell’integrazione sono una ulteriore opportunità di arricchimento culturale ed anche di crescita economica.

Le società occidentali e, soprattutto quella italiana, sono destinatE ad un costante ed inesorabile invecchiamento, per la riduzione della natalità.

L’Italia, in Europa, mostra il più basso tasso di natalità; fra 30 anni, per ogni bambino con meno di 5 anni,vi saranno 25 anziani, di cui 8 avranno più di 80 anni. In Italia la percentuale di anziani è la più alta d’Europa. Il vero problema non è l’alto numero di anziani, ma la carenza di nascite. L’inverno demografico potrebbe diventare l’inverno della nostra economia e della nostra democrazia.

L’immigrazione, sotto il profilo demografico, potrebbe divenire un utile impulso per il ringiovanimento della nostra società. Una corretta integrazione degli immigrati potrebbe diventare anche un impulso per la crescita economica: l’impegno di queste persone in quei lavori che gli italiani, oggi,disertano (agricoltura, edilizia, lavori domestici).

Ovviamente, integrazione nel lavoro nel massimo rispetto dei diritti della persona: altrimenti, ciò, potrebbe tradursi in moderna schiavitù, in moderno sfruttamento.

Canalizzare gli immigrati nella nostra società significherebbe favorirne l’integrazione e ridimensionarne la clandestinità e la conseguente deriva in attività illecite: prostituzione, spaccio di stupefacenti, cooptazione da parte della malavita.

I regolarizzati andrebbero integrati in tutti quelli che sono i nostri servizi: scuola, sanità, trasporti,…

Dopo un determinato numero di anni di permanenza in Italia dovrebbe esser concessa loro la cittadinanza italiana, con conseguente godimento dei diritti politici. E i nuovi nati in Italia, da coppie di immigrati, dovrebbero essere da subito riconosciuti come cittadini italiani.

Questo sarebbe vera solidarietà, cioè un abbraccio fraterno tra il mondo che si definisce ricco e quello che per secoli è stato impoverito, sfruttato.

Nessuno di noi può mostrarsi neutro, insensibile di fronte ai problemi e ai bisogni del prossimo.

E i Governi, soprattutto d’Europa, dovrebbero finalmente smetterla di dare molta attenzione alle priorità economico-finanziarie, senza preoccuparsi che le misure adottate sul piano mondiale creano fame, miseria, povertà, disoccupazione, sofferenza.

Monreale 13/07/2013                                                               MIRTO GIROLAMO

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Partinico, incidente mortale sulla SS 113. Perde la vita una donna di 95 anni

    Cronaca

    Partinico, 16 gennaio 2018 - Un'anziana di 95 anni è morta questa mattina in seguito ad un incidente stradale che si è verificato sulla SS113 nei pressi di Partinico.  Una Fiat Brava guidata da Filippo Bologna, 65 anni, uomo conosciuto del posto e che in passato è anche stato sindaco..

    Continua a Leggere

  • Monreale. «No bomba ecologica nella discarica di Zabìa». Capizzi: «Lo confermano le analisi»

    Cronaca

    Monreale, 16 gennaio 2018 - «Le analisi e i rapporti di prova effettuati dall’ARPA Sicilia lo hanno pienamente confermato e certificato: l’ex discarica comunale sita in contrada Zabìa non contiene affatto rifiuti pericolosi e non è stata riscontrata nella zona alcuna presenza di materiali o s..

    Continua a Leggere

  • Caos-rifiuti, Musumeci incontra 50 sindaci. Capizzi: «Monreale porta meno rifiuti in discarica»

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Oggi a Palazzo D'Orleans erano presenti quasi tutti i 50 sindaci dei comuni che trasportano i rifiuti in provincia di Catania. Si va verso un'autorizzazione in deroga a tutte le leggi per consentire alla sesta vasca di Bellolampo, la discarica di Palermo, di ricevere rifi..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belìce: “Monreale non esiste più, è stata distrutta”. Le testimonianze dei monrealesi

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - "Monreale non esiste più, Monreale è stata distrutta". Era questa la notizia che si diffuse a Palermo in quel lontano 1968, quando nella notte fra il 14 e il 15 Gennaio avvenne uno dei più gravi terremoti italiani del Secondo dopoguerra che interessò la valle del Beli..

    Continua a Leggere

  • Ryanair rivoluziona le regole per il bagaglio a mano

    Cronaca

    Scatta la rivoluzione dei bagagli a mano su Ryanair, si chiude l’era del doppio bagaglio a mano: una volta all’imbarco il più ingombrante dovrà essere lasciato agli addetti per essere caricato in stiva senza costi aggiuntivi. Siamo lieti di lanciar..

    Continua a Leggere

  • Al via l’Open week nella scuola Morvillo: organizzati laboratori, mostre e attività didattiche

    Cronaca

    Monreale, 15 Gennaio 2018 - Si è aperto oggi e si concluderà venerdì 19 Gennaio l’open week che, come ormai da t..

    Continua a Leggere

  • Una cena per 700 poveri del centro di Biagio Conte. Tra gli chef il monrealese Nicola Venturella

    Cronaca

    Palermo, 15 gennail 2018 - Una cena la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte. A organizzarla è lo chef e pasticcere di Partinico Massimo Giambelluca che ha chiamato a ..

    Continua a Leggere

  • «Cacciatori di storie bellissime». A Monreale i Percorsi Virtuosi di So.Svi.Le. e Maghweb

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - All’interno di Villa Savoia le testimonianze di chi ha puntato sulla bellezza, molto spesso nascosta, del territorio siciliano. Dai Sicani, fino alla Via Francigena che collega Palermo ad Agrigento, la Sicilia può offrire ancora innumerevoli spunti per convincere i rag..

    Continua a Leggere

  • Monreale a sostegno di Biagio Conte. Padre Elisée incontra il frate laico

    Cronaca

    Palermo, 15 gennaio 2018 - Tanta è ancora la gente che vive per strada che non ha un tetto, un lavoro, una dignità e sopravvive ai margini della società. Sono gli invisibili, non solo clochard,  costretti a dormire nelle auto o per le vie di Palermo sono anche le famiglie sfrattate, i padri ..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: «A Camporeale c’era un silenzio surreale».

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Nella memoria di un diciottenne, dopo cinquantanni, le date magari non si ricordano ma sensazioni, umori, odori, suoni, a volte a fronte di avvenimenti epocali, restano impressi come fossero accaduti ieri. A quel tempo abitavo a Palermo e di notte fui svegliato dalla..

    Continua a Leggere

  • Monrealexit. La giunta jatina attiva per il riordino: «Serve fronte comune»

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 15 gennaio 2017 - I monrealesi che vogliono diventare cittadini di San Giuseppe Jato sono circa 160, tutti residenti nelle borgate di Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. Pagano le tasse alla città normanna ma usufruiscono dei servizi della città a Valle dello Jato


  • Romanotto (Credici Monreale): “Debiti azzerati? Solo a dicembre deliberato ricorso a Fondo di Riserva per 50.000 €”

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Azzeramento dei debiti del comune. Un’operazione di risanamento dei conti dell’ente portata come fiore all’occhiello della sua gestione amministrativa dal sindaco di Monreale, Piero Capizzi, e da lui sbandierato in tutti i consessi ..


  • Discipline in lingua straniera, laboratori, buone prassi innovative. É l’Open Day del Pietro Novelli

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Anche quest'anno la D.D. "P. Novelli" apre le sue porte alle famiglie, ai bambini, al territorio per far conoscere i dettagli della sua organizzazione didattica: attività laboratoriali curriculari, buone prassi innovative, sperimentazioni inclusive.


  • Monreale. Sfratto al Circolo Italia. Burgio: “Posizione del Sindaco denigratoria e offensiva”

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Claudio Burgio è il commissario pro tempore dell’associazione culturale “Circolo Italia”, che ha ricevuto dal comune l’ordinanza di sfratto dai locali di Piazza Vittorio Emanuele 2,4 e 6. Al circolo culturale viene richiesto anche il pagamento di €24.734,35 pi..


  • Quadrante: “Il PD responsabile, abbiamo consentito l’approvazione del “Salva Napoli”. Gestione del Sindaco approssimativa”

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Sull'adesione alla procedura di salvataggio dal dissesto finanziario (cosiddetto "Salva Napoli") da parte del comune di Monreale, portata in aula venerdì scorso, il PD si è astenuto, con la sola eccezione del consigliere Ignazio Davì che, divergendo dalla posizione del..


  • Adesione di Monreale al “Salva Napoli”. Marco Intravaia: “Una manovra diversiva o una trappola per il Consiglio”. Lo Biondo: “Dov’è la politica?”

    Cronaca

      Monreale, 13 gennaio 2018 - “L’adesione del Comune di Monreale alle norme che consentono una rimodulazione del Piano di riequilibrio finanziario (meglio noto come “Salva Napoli”), lungi dall’allontanare dalla città lo spettro del dissesto, rischia di farla precipitare ne..


  • MONREALEXIT, 160 monrealesi vogliono diventare jatini. Monreale fa “orecchie da mercante”

    Cronaca

    Monreale, 13 gennaio 2017 - «Non vogliamo essere cittadini monrealesi, vogliamo essere annessi al comune di San Giuseppe Jato», l’urlo proviene da Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. È passato già un anno da quando i 160 residenti delle lontane borgate monrealesi hanno redatto, grazie alla..


  • La Notte del Liceo al Basile D’aleo: balli, rappresentazioni teatrali, performances artistiche e coreutiche (LE IMMAGINI)

    Cronaca

    Monreale, 13 gennaio 2018 - Balli, canti, spettacoli teatrali, recite, letture classiche, per fare rivivere il pensiero di filosofi e scrittori dell’età classica, e per fare comprendere l’attualità degli studi classici. [gallery ids="48528,48527,48526,48524,48523,48522,4852..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale