Oggi è 21/01/2018

Cronaca

La scuola è finita, anche i docenti precari sono in vacanza, ma senza stipendio e senza futuro

Di seguito l’articolo di Alex Corlazzoli pubblicato il 3 luglio su “Il Fatto Quotidiano”

“Non avrei mai voluto dire ai miei alunni: fuggite dall’Italia, qui non c’è speranza. Ma io precario, disoccupato, non voglio che i miei ragazzi facciano la mia stessa fine…”

Pubblicato il 5 luglio 2013

La scuola è finita, anche i docenti precari sono in vacanza, ma senza stipendio e senza futuro

Caro Napolitano, da oggi ho un marchio sulla pelle: disoccupato!

Oggi, primo giorno da disoccupato, ho scritto a Giorgio Napolitano. Caro Presidente da stamattina 76.407 persone hanno il mio stesso marchio inciso sulla pelle: disoccupato. Ci aggiungiamo ai tre milioni che già sono senza lavoro. Forse lei non si sarà accorto, forse il ministro dell’istruzione non l’avrà scomodata per dirle che migliaia di insegnanti, quelli che educano i nostri figli, da oggi non hanno un lavoro, uno stipendio, un futuro solo perché vengono usati per 10 mesi l’anno e poi lasciati sulla strada.

Certo lei non vedrà neanche questa mia missiva perché ci penserà qualche consigliere del Presidente della Repubblica a rispondermi, come avviene sempre. Ma se dovesse capitare che le arrivi tra le mani questa mia lettera vorrei spiegarle quello che le direi se un giorno, anziché accogliere al Quirinale, diplomatici, campioni, cantanti e cavalieri del lavoro, aprisse le sue porte a una delegazione di cavalieri della disoccupazione.

Oggi come da sette anni a questa parte, da quando faccio l’insegnante, sono dovuto andare al centro per l’impiego: lunedì c’erano 200 persone a Crema, la maggior parte donne. Sono arrivate con i loro bambini. Spesso sono madri del Sud che per tutto l’anno hanno lavorato qui al settentrione, distanti dalla loro famiglia con uno stipendio che serviva a malapena a ripagarsi l’affitto. Non vedono l’ora di ritornare a casa, per riabbracciare il marito, i genitori.

Siamo migranti, stranieri nella propria patria. Sì, perché caro presidente Giorgio Napolitano, noi disoccupati ci sentiamo stranieri in questa Italia che ci abbandona, che non ci dà speranza. Non so se lei conosce i dati che ci riguardano.

Mi permetto di illustrarglieli: secondo i recenti numeri della Flc Cgil attualmente i posti in organico di fatto, cioè con durata fino al 30 giugno, sono 76.407, di cui 13.260 ATA e 63.147 docenti. L’andamento storico di questi posti negli anni è costante. Ciò vuol dire che essi servono per coprire esigenze stabili dell’amministrazione, quali ad esempio i posti per il sostegno agli alunni con disabilità o la presenza di almeno un collaboratore a plesso. Stabilizzarli costa in media 150 euro (lordo stato) in più l’anno a posto, ma il beneficio sulla qualità del servizio e delle persone sarebbe enorme e in termini di prestazione lavorativa e di stabilità di programmazione. Senza contare che il Miur risparmierebbe le spese legali a cui spesso viene condannato dai giudici per abuso dei contratti a temine. Pensi che il risparmio dell’amministrazione tra un contratto al 30 giugno e uno al 31 agosto è di sole 150 euro.

Eppure, guardando ai dati, questi docenti a settembre serviranno. Ma a noi non è dato sapere che ci succederà. Le nostre vite sono appese a qualcuno che deciderà a pochi giorni dall’inizio della scuola, il nostro futuro quando tutto potrebbe essere risolto tra giugno e luglio. E se qualcuno di noi, come capita a me da giornalista, provvede a procurarsi la pagnotta facendo qualche altro lavoro viene punito da tasse allucinanti.

Signor presidente, sono cresciuto con il poster di Sandro Pertini in camera. Ma ora faccio fatica a guardare la sua foto appesa a scuola perché in questo Paese non mi sento ascoltato da lei che, mentre affondiamo, quando si muove per l’Italia lo fa con un codazzo di auto blu (l’ho vista di persona a Cremona) e nemmeno da chi in questo Parlamento non sceglie di tagliare il finanziamento ai partiti e continua a restare casta.

Non avrei mai voluto dire ai miei alunni: fuggite dall’Italia, qui non c’è speranza. Ma io precario, disoccupato, non voglio che i miei ragazzi facciano la mia stessa fine: sogno per loro una vita dove possano avere una loro casa, poter fare famiglia, sentirsi realizzati sul piano professionale, essere laureati in lettere e non finire a fare i camerieri. L’ultimo giorno di scuola il maestro disoccupato ha regalato la Costituzione ai suoi alunni perché m’illudo ancora che quel “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro” non sia solo scritto su un pezzo di carta che ormai a fatica sentiamo ancora nostro.

Nella vana speranza che legga lei questa lettera e che ci si possa incontrare,

un maestro disoccupato

Articolo tratto da “Il Fatto Quotidiano”

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Spezia Vs Palermo: 0-0 

    Cronaca

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Il mister Tedino temeva la sosta per un eventuale calo di tensione che lui aveva accuratamente creato come una corda di violino. Ma la gara ha dimostrato che il Palermo c’era e ha trovato uno Spezia che ha costruito la salvezza proprio in casa con un ott..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia, arrestato Giuseppe Biondino, il figlio dell’autista di Totò Riina

    Cronaca

    [gallery ids="49673,49674,49675,49676,49677"] Palermo, 21 gennaio 2018 - Nuova operazione antimafia nel mandamento di San Lorenzo. La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fugg..

    Continua a Leggere

  • Un albero per ogni nuovo nascituro. A Monreale piantumato solo il 5% di piante rispetto a quanto previsto dalla legge

    Cronaca

    Monreale, 21 gennaio 2018 - Quante volte passeggiando per le strade ci siamo chiesti quanto sarebbe bella e accogliente un’area se solo fosse più verde? E quante altre dopo gli incendi devastanti abbiamo pensato al danno provocato e alle ricadute sull’ambiente? E pensare che og..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a Palermo, giovane si lancia dal ponte Oreto: intervengono i vigili del fuoco

    Cronaca

    Palermo, 21 gennaio 2018 - Un giovane si è lanciato ieri sera dal ponte di via Oreto. Un ponte già tristemente noto per fatti del genere. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti di polizia. Al momento non si conoscono le generalità del giovane che è finito contro il cemen..

    Continua a Leggere

  • Palermo, in sostegno di Biagio Conte una delegazione belga

    Cronaca

    Palermo, 20 gennaio 2018 - In mattinata una delegazione Belga ha portato la ..


  • Bimbo folgorato a Palermo: restano gravi le sue condizioni

    Cronaca

    Palermo, 20 gennaio 2018 - Prognosi riservata per il bimbo di sette anni che ieri pomeriggio è rimasto ustionato al volto e alle mani da una scarica elettrica in via Gaspare Palermo. Il piccolo, secondo una prima ricostruzione per gioco avrebbe aperto una cassetta dell’Enel e giocando con un..

    Continua a Leggere

  • Partinico, nel bene confiscato a Cosa nostra sorge la nuova guardia medica

    Cronaca

    Partinico, 20 gennaio 2018 - «Un bene confiscato alla mafia  diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il..

    Continua a Leggere

  • Rientra (per ora) l’emergenza. I rifiuti trasportati a Lentini a 230 km da Monreale

    Cronaca

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Rientra, almeno per ora, l’emergenza rifiuti nei 50 comuni interessati dalla chiusura di Bellolampo, tra cui Monreale, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Corleone. Gli autocompattatori erano stati dirottati fino allo scorso 18 gennaio a Motta Sant’Anastasia,..

    Continua a Leggere

  • Elezioni politiche, gli attivisti M5s incontrano i cittadini. Gli appuntamenti

    Cronaca

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Le elezioni politiche 2018 si avvicinano, la campagna elettorale è cominciata e sarà al centro dell'attenzione per due mesi.  Gli attivisti del Movimento 5 Stelle,  per pubblicizzare e diffondere i punti salienti del programma di lavoro che il Movimento si ..

    Continua a Leggere

  • «Pronti a occupare l’assessorato ai Rifiuti», sit-in dei sindaci a Palazzo d’Orleans

    Cronaca

    Palermo, 19 gennaio 2018 - «Diteci dove dobbiamo andare a gettare i rifiuti dei nostri comuni». Questo pomeriggio si è svolto il sit-in di una nutrita delegazione di sindaci dei comuni esclusi dal conferimento dei rifiuti a Bellolampo. Ieri è arrivato anche lo stop anche dalla discarica Oikos di..

    Continua a Leggere

  • Terreni da coltivare per i giovani. Un’opportunità di fare impresa per chi ha voglia di “sporcarsi le mani”

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Terreni incolti ai giovani grazie alla Banca della Terra, un’opportunità di fare impresa per tutti quei giovani di età compresa tra i 18 e i 40 che hanno voglia di “sporcarsi le mani”. L'iniziativa è gestita dall’ISMEA, entro il 3 feb..

    Continua a Leggere

  • Picco influenza 2018, arriva un virus poco atteso. Mezzo milione di siciliani a letto entro fine mese

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Saranno almeno mezzo milione i siciliani che fra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio dovranno fare i conti con l'influenza stagionale. Le varie forme influenzali ivi comprese quelle meno aggressive colpiranno quasi metà della popolazione isolana. Le statistich..

    Continua a Leggere

  • Maxi sequestro di droga a Carini, 1500 chili di hashish e cocaina VIDEO

    Cronaca

    Carini, 19 gennaio 2018 - La Polizia di Stato ha sequestrato un ingentissimo carico di droga ed arrestato tre soggetti, un campano e due residenti a Carini. Gli Agenti della Squadra Mobile di Palermo, ieri sera, hanno bloccato, mentre accedeva nell’area ..

    Continua a Leggere

  • MONREALEXIT, la giunta di San Giuseppe Jato e Comitato insieme per il riordino dei confini

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 19 gennaio 2018 - Sono 160 i cittadini monrealesi che vogliono diventare jatini: «Vogliamo pagare le tasse a San giuseppe Jato». Intanto l'amministrazione jatina e il comitato per il riordino uniscono le forze. «Disponibilità da parte di tutti gli interessati nel processo di r..

    Continua a Leggere

  • Monreale. A giorni la firma del contratto per i 9 ausiliari del traffico in attesa dal 2 gennaio

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Potrebbe finire a breve l’attesa per i 9 lavoratori della ACS  (Automobile Club Servizi s.r.l.) di Palermo, il cui contratto di lavoro è scaduto il 31 dicembre, e che attendono la definizione di alcuni aspetti burocratici per firmare il nuovo cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale, domani Ted Formazione a Casa Cultura presenta le opportunità per chi termina la terza media

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Ted, la scuola dei mestieri, presenta ai monrealesi i propri corsi di formazione professionale che saranno attivati anche per il prossimo anno scolastico a Monreale e presso le altre sedi della provincia di Palermo di Carini, Corleone, Misilmeri, Belmonte Mezzagno e Paler..

    Continua a Leggere

  • I carabinieri ispezionano numerose aziende, 39 irregolari e 119 lavoratori in nero

    Cronaca

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Il nucleo operativo del gruppo carabinieri per la tutela del lavoro ed i nuclei carabinieri ispettorato del lavoro, hanno effettuato, su tutto il territorio siciliano, una serie di ispezioni nei confronti di aziende edili, a..

    Continua a Leggere

  • Circolare da soli su strada. Al P. Novelli simulato un percorso stradale con segnaletica, strisce pedonali, limiti e divieti

    Cronaca

    Monreale, 19 gennaio 2018 - La strada è di tutti… è il luogo dove convergono le vite, le esperienze, i bisogni e le necessità di ogni individuo. Lo "strumento prioritario" che ci permette di muoverci, di scoprire il mondo, di incontrarci, di intrecciare il cammino tra simili. R..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale