Grande successo riscosso ieri sera presso il Collegio di Maria dal coro “Cantate Omnes”

0
tusa big

Tanti monrealesi, ieri sera, hanno potuto apprezzare lo spettacolo offerto dal coro “Cantate Omnes” presso la Chiesa del Collegio di Maria. Ad essi si sono uniti anche tanti fan appositamente giunti a Monreale per ascoltare il coro diretto dal maestro Gianfranco Giordano. I quaranta elementi del coro hanno eseguito opere del repertorio classico e religioso per concludere con dei brani più “leggeri” .

Presenti il sindaco Filippo Di Matteo, l’assessore Lia Giangreco e l’assessore Nazzareno Salamone che hanno ringraziato e plaudito all’iniziativa.

La dott.ssa Antonella Vaglica ha voluto ringraziare il CDA della fondazione Greco Carlino che anche quest’anno ha voluto dare al suo progetto la possibilità di prendere corpo. I turisti hanno potuto visitare la chiesa e, affascinati dalla sua complessa simbologia, hanno fruito di un luogo di arte e di fede, non solo con la vista, ma anche ascoltandone la spiegazione, scoprendo magari, oltre al duomo ed al chiostro, un altro pezzetto di storia monrealese.

“La chiesa – ha dichiarato la dott.ssa Vaglica – si è anche trasformata in luogo di incontro culturale e storico per i tanti monrealesi che lo scorso anno, piacevolmente stupiti da questa apertura, si sono soffermati a parlare con il personale addetto alle visite, raccontando storie vissute, aneddoti, cose viste che non ci sono più, insomma raccontando storie inedite, di cui i documenti non parlano e che insieme a questi ultimi fanno la storia. Aprire questa bellissima struttura rappresenta per tutta la comunità un momento di crescita culturale, perché la conoscenza di noi stessi è non dimenticanza di ciò che eravamo, nell’ottica di un oggi che dipende inesorabilmente dal passato”. La dott.ssa Vaglica ha sottolineato l’importanza dell’educare al bello tramite il bello, specialmente in un momento storico come quello che stiamo vivendo in cui i simboli e le immagini che ogni giorno affollano la nostra vita sono spesso di negatività e di brutture, in ogni senso. Dobbiamo chiederci “quanta carica positiva possa avere soprattutto per i più giovani soffermarsi davanti ad un bel dipinto o ad una pregevole scultura, godendo dell’armonia delle forme e comprendendone i meccanismi più intimi. L’arte ben proposta è un’alternativa ottima a tutta una serie di problematiche sociali che attanagliano gli animi di tutti noi, ma soprattutto dei più piccoli che spesso dentro questo mondo, così detto moderno, sono nati e non conoscono alternative”.

Il Presidente Antonio Cangelosi e la componente del CDA Rosaria Messina hanno evidenziato che questa è solo una delle iniziative culturali e sociali che l’ente si propone per questa stagione. Vi saranno altri momenti ed iniziative che partendo dalla valorizzazione dei beni presenti nel territorio, attraverso momenti aggregativi e ludici, coinvolgeranno la comunità monrealese nell’intento di una comune crescita culturale.

 

(Foto di Maria Cammarata)

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com