CARLO MONASTRA “Venti anni dopo”

0
tusa big

Si chiuderà domani sera la mostra di pittura digitale che il Preside del Liceo “E. Basile” di Monreale, Carlo Monastra, ha inaugurato lo scorso sabato a Palermo, presso la Galleria d’ Arte Studio 71, in via FuXa 9 (zona via Sampolo), una mostra che dopo 22 anni, in un’epoca in cui il fenomeno dell’ arte digitale è oramai una realtà nota e diffusa in tutte le esperienze artistiche, rievoca l’inizio di un lavoro di ricerca che, partito da un programma Automat91 oggi, attraverso l’evoluzione di diversi linguaggi digitali, è approdato al linguaggio C#.

 Non è semplice spiegare e, talvolta, interpretare l’esito di questo genere di creatività ma Carlo Monastra nell’accogliere ogni pomeriggio pazientemente i visitatori prova, con garbo e semplicità, a trasmettere il senso della ricerca artistica contenuta nelle dieci immagini “astratte” esposte in grande formato digitale, dove la cromìa del segno pittorico scelta dall’artista è prevalente rispetto alla linea e alla casualità delle immagini prodotte e generate all’infinito dal Computer.

Chi osserva rimane così affascinato dalle possibilità che questi software esplicitano con l’uso delle CAD-CAM (codici sorgente e dati che, insieme, forniscono informazioni ad un computer), e le immagini generate alla fine sono il prodotto di un lungo lavoro di programmazione che Monastra gestisce  con il coordinamento di “Blocchi” e “Istruzioni” che interagiscono fra loro, attraverso l’uso di un algoritmo che risolva gli inevitabili errori di logica e sintassi che il computer  produce. 

 Tali software infine sono stati utilizzati anche per la creazione di videogame e lungometraggi di altissima definizione già proiettati in diverse manifestazioni.

 

 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.