Monreale, riaprirà l’ex dormitorio dei Benedettini grazie ai fondi della Regione

0
tusa big

 

Stamattina, durante la conferenza stampa svolta presso l’Assessorato regionale ai Beni Culturali, è stato comunicato che sono stati individuati i fondi necessari per la definitiva apertura del dormitorio dei Benedettini, situato all’interno del Complesso Monumentale Guglielmo II di Monreale.

A darne notizia è stato il sindaco di Monreale Filippo Di Matteo, che ha incontrato i vertici dell’assessorato di Piazza Croci, i quali hanno garantito che queste somme serviranno per la realizzazione delle vasche antincendio, la cui mancanza fino ad oggi ne aveva ostacolato l’apertura in quanto i Vigili del Fuoco non avevano ancora rilasciato le opportune autorizzazioni per l’accesso dei visitatori.

“Ringrazio tutti coloro che si sono attivati – ha dichiarato il sindaco Di Matteo – per la risoluzione di questo problema, poiché sono certo che con l’apertura di questo sito e con quella del Museo Multimediale, che stiamo per definire, potrà finalmente partire nella nostra città una nuova politica di sviluppo turistico”.

Il 21 Maggio il parlamentare monrealese Salvino Caputo del PdL aveva chiesto in merito a ciò l’intervento dell’assessore ai Beni Culturali Sgarlata presentando una mozione, per chiedere la costituzione di una commissione parlamentare di indagine sulla gestione dei fondi per la costruzione del Dormitorio e per conoscere le cause che impedivano la definizione del sistema antincendio e l’apertura del prestigioso monumento arabo normanno. “Mi chiedo quali siano le vere motivazioni – tuonava Caputo – che tengono chiuso e non utilizzabile un monumento prestigioso come il Dormitorio dei Benedettini inaugurato nel lontano 1997, chiuso subito dopo e mai più riaperto e oggi rovinato dal non uso e dalla incuria con impianti da rifare senza essere stati mai utilizzati”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.