Oggi è 21/01/2018

Antimafia e legalità

Salvino Caputo condannato per tentato abuso d’ufficio ad 1 anno e 5 mesi

Per l’ex sindaco di Monreale, questa volta, si tratta di una condanna definitiva (con pena sospesa)

Pubblicato il 24 maggio 2013

Salvino Caputo condannato per tentato abuso d’ufficio ad 1 anno e 5 mesi


Nel 2004, l’allora Sindaco uscente Salvino Caputo, attraverso una determinazione sindacale, aveva tentato di far togliere le multe che i vigili avevano fatto ad alcuni uomini “potenti” del momento. I beneficiari erano stati Roberto Terzo, allora vicepresidente del Consiglio comunale e adesso liquidatore dell’Ato2, per una contravvenzione di 900 euro; Monsignor Salvatore Cassisa, allora arcivescovo della città, per una multa di 102 euro circa; e Francesco Nocera, suo assessore alla Cultura, per due multe del valore complessivo di 1321 euro. 
La determinazione sindacale era arrivata al comando di Polizia Municipale di Monreale ed era rimasta lì in attesa della rielezione a sindaco di Caputo (era il periodo della campagna elettorale). 
Purtroppo per lui, però, in quelle elezioni è stato eletto Toti GulloIl nuovo sindaco, infatti, ha ripreso i verbali e li ha spediti subito alla Corte dei Conti. Da lì, questi sono passati prima alla Procura della Repubblica e poi alla sezione Reati contro la pubblica amministrazione.


Il provvedimento è stato considerato illegittimo e contenente diversi falsi, per cui il Tribunale (primo grado) ha condanna Caputo a 2 anni di carcere per “tentato abuso d’ufficio e falso ideologico”.
In Corte d’appello (secondo grado), però, la pena è stata ridotta ad 1 anno e 5 mesi
: il giudice, infatti, lo ha assoto dai falsi contestati dalla Procura, addebitandogli i tentativi di abuso d’ufficio consistiti nella revoca in autotutela delle contravvenzioni, che comunque poi erano state recuperate dal Comune. 
Adesso, per concludere, è arrivata la condanna definitiva con la sentenza della quinta sezione della Suprema Corte (terzo grado) ad 1 anni e 5 mesi di carcere per “tentato abuso d’ufficio”.
Una brutta notizia per l’onorevole Caputo, che,contattato dalla nostra redazione, si è limitato a dire: “Non voglio rilasciare dichiarazioni. Posso solo dire che rispetto la magistratura e che sto disponendo con i miei avvocati per ricorrere al giudizio di revisione”. 


Ma le sue vicende giudiziarie non finiscono qui.
Il nome di Salvino Caputo si trovava già in una relazione della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali similari, datata 2 maggio 1995. 
In questo caso si faceva riferimento alle elezioni del 1994: dalla relazione sarebbe emerso che, prima delle elezioni, Pino Mandalari (considerato il ragioniere di Totò Riina) avrebbe espresso “il suo favore per la candidatura dell’avvocato Francesco Musotto (con il quale emerge il suo diretto contatto) quale presidente della Provincia di Palermo” (poi eletto) e avrebbe sostenuto “la candidatura dell’avvocato Salvino Caputo”. 

Salvino Caputo, inoltre, era stato indagato, e poi assolto, per falsa testimonianza nel processo “Talpa alla Dda”, cioè quel processo che ha portato poi alla condanna a 7 anni di reclusione all’ex presidente della Regione Siciliana, Totò Cuffaro, per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio dell’ex presidente della Regione Siciliana. 
In seguito all’arresto del medico Salvatore Aragona, imputato nel processo e condannato poi a 5 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, secondo l’accusa, Caputo aveva infatti contattato il suo difensore, l’avvocato Zanghì, chiedendogli di non far rispondere il proprio cliente all’interrogatorio per non danneggiare proprio Cuffaro. 
Durante il processo le dichiarazioni di Zanghì e di Caputo (chiamato a testimoniare) non erano risultate coincidenti, per cui quest’ultimo da testimone era diventato imputato (i pm erano Di Matteo e De Lucia).
Questa vicenda giudiziaria si era comunque conclusa con l’assoluzione del deputato regionale, poiché esso aveva sì mentito ma solo per salvare se stesso e il proprio onore dal rischio di una condanna per il reato di favoreggiamento

A 33 anni dalla morte del capitano Basile e a pochi giorni dal conferimento della cittadinanza onoraria alla memoria,  ricordiamo anche che Salvino Caputo è stato presidente dell’associazione antiracket “Emanuele Basile”. E allora, forse, sono state proprio queste vicende giudiziarie a spingere la famiglia del capitano ad inviare, tempo fa, una lettera al comando provinciale dell’Arma di Palermo con cui si richiedeva di tutelare il buon nome del proprio caro: “Nessuno mai ci ha resi edotti né tanto meno ha ottenuto l’assenso a intitolare un sodalizio a Emanuele, e a spenderne il nome. Esprimiamo disappunto per l’uso sovente e improprio, strumentale, speculativo e politico del nome del nostro Emanuele, caduto nell’adempimento del dovere“.

 

link utili: http://www.camera.it/_dati/leg12/lavori/Bollet/40149_09.pdf

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Palermo, in sostegno di Biagio Conte una delegazione belga

    Antimafia e legalità

    Palermo, 20 gennaio 2018 - In mattinata una delegazione Belga ha portato la ..


  • Bimbo folgorato a Palermo: restano gravi le sue condizioni

    Antimafia e legalità

    Palermo, 20 gennaio 2018 - Prognosi riservata per il bimbo di sette anni che ieri pomeriggio è rimasto ustionato al volto e alle mani da una scarica elettrica in via Gaspare Palermo. Il piccolo, secondo una prima ricostruzione per gioco avrebbe aperto una cassetta dell’Enel e giocando con un..

    Continua a Leggere

  • Partinico, nel bene confiscato a Cosa nostra sorge la nuova guardia medica

    Antimafia e legalità

    Partinico, 20 gennaio 2018 - «Un bene confiscato alla mafia  diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il..

    Continua a Leggere

  • Rientra (per ora) l’emergenza. I rifiuti trasportati a Lentini a 230 km da Monreale

    Antimafia e legalità

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Rientra, almeno per ora, l’emergenza rifiuti nei 50 comuni interessati dalla chiusura di Bellolampo, tra cui Monreale, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Corleone. Gli autocompattatori erano stati dirottati fino allo scorso 18 gennaio a Motta Sant’Anastasia,..

    Continua a Leggere

  • Elezioni politiche, gli attivisti M5s incontrano i cittadini. Gli appuntamenti

    Antimafia e legalità

    Monreale, 20 gennaio 2018 - Le elezioni politiche 2018 si avvicinano, la campagna elettorale è cominciata e sarà al centro dell'attenzione per due mesi.  Gli attivisti del Movimento 5 Stelle,  per pubblicizzare e diffondere i punti salienti del programma di lavoro che il Movimento si ..

    Continua a Leggere

  • «Pronti a occupare l’assessorato ai Rifiuti», sit-in dei sindaci a Palazzo d’Orleans

    Antimafia e legalità

    Palermo, 19 gennaio 2018 - «Diteci dove dobbiamo andare a gettare i rifiuti dei nostri comuni». Questo pomeriggio si è svolto il sit-in di una nutrita delegazione di sindaci dei comuni esclusi dal conferimento dei rifiuti a Bellolampo. Ieri è arrivato anche lo stop anche dalla discarica Oikos di..

    Continua a Leggere

  • Terreni da coltivare per i giovani. Un’opportunità di fare impresa per chi ha voglia di “sporcarsi le mani”

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Terreni incolti ai giovani grazie alla Banca della Terra, un’opportunità di fare impresa per tutti quei giovani di età compresa tra i 18 e i 40 che hanno voglia di “sporcarsi le mani”. L'iniziativa è gestita dall’ISMEA, entro il 3 feb..

    Continua a Leggere

  • Picco influenza 2018, arriva un virus poco atteso. Mezzo milione di siciliani a letto entro fine mese

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Saranno almeno mezzo milione i siciliani che fra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio dovranno fare i conti con l'influenza stagionale. Le varie forme influenzali ivi comprese quelle meno aggressive colpiranno quasi metà della popolazione isolana. Le statistich..

    Continua a Leggere

  • Maxi sequestro di droga a Carini, 1500 chili di hashish e cocaina VIDEO

    Antimafia e legalità

    Carini, 19 gennaio 2018 - La Polizia di Stato ha sequestrato un ingentissimo carico di droga ed arrestato tre soggetti, un campano e due residenti a Carini. Gli Agenti della Squadra Mobile di Palermo, ieri sera, hanno bloccato, mentre accedeva nell’area ..

    Continua a Leggere

  • MONREALEXIT, la giunta di San Giuseppe Jato e Comitato insieme per il riordino dei confini

    Antimafia e legalità

    San Giuseppe Jato, 19 gennaio 2018 - Sono 160 i cittadini monrealesi che vogliono diventare jatini: «Vogliamo pagare le tasse a San giuseppe Jato». Intanto l'amministrazione jatina e il comitato per il riordino uniscono le forze. «Disponibilità da parte di tutti gli interessati nel processo di r..

    Continua a Leggere

  • Monreale. A giorni la firma del contratto per i 9 ausiliari del traffico in attesa dal 2 gennaio

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Potrebbe finire a breve l’attesa per i 9 lavoratori della ACS  (Automobile Club Servizi s.r.l.) di Palermo, il cui contratto di lavoro è scaduto il 31 dicembre, e che attendono la definizione di alcuni aspetti burocratici per firmare il nuovo cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale, domani Ted Formazione a Casa Cultura presenta le opportunità per chi termina la terza media

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - Ted, la scuola dei mestieri, presenta ai monrealesi i propri corsi di formazione professionale che saranno attivati anche per il prossimo anno scolastico a Monreale e presso le altre sedi della provincia di Palermo di Carini, Corleone, Misilmeri, Belmonte Mezzagno e Paler..

    Continua a Leggere

  • I carabinieri ispezionano numerose aziende, 39 irregolari e 119 lavoratori in nero

    Antimafia e legalità

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Il nucleo operativo del gruppo carabinieri per la tutela del lavoro ed i nuclei carabinieri ispettorato del lavoro, hanno effettuato, su tutto il territorio siciliano, una serie di ispezioni nei confronti di aziende edili, a..

    Continua a Leggere

  • Circolare da soli su strada. Al P. Novelli simulato un percorso stradale con segnaletica, strisce pedonali, limiti e divieti

    Antimafia e legalità

    Monreale, 19 gennaio 2018 - La strada è di tutti… è il luogo dove convergono le vite, le esperienze, i bisogni e le necessità di ogni individuo. Lo "strumento prioritario" che ci permette di muoverci, di scoprire il mondo, di incontrarci, di intrecciare il cammino tra simili. R..

    Continua a Leggere

  • “Tra mare e cielo”, l’opera del maestro Benedetto Norcia in ricordo di Giuseppe Tusa

    Antimafia e legalità

    Palermo, 19 gennaio 2018 - Oggi pomeriggio, alle ore 15,30, presso il largo Giuseppe Tusa a Milazzo avverrà la presentazione dell'opera scultorea in memoria di Giuseppe Tusa. Presenzieranno le autorità civili e militari. [caption id="attachment_49437" align="alignleft" width="2..

    Continua a Leggere

  • A Palermo è boom di multe Ztl: piovono i ricorsi

    Antimafia e legalità

    Palermo, 18 Gennaio 2018 - "La Ztl è un valore aggiunto della Città. Gli obiettivi principali della misura sono stati centrati: l'inquinamento è diminuito e la mobilità è migliorata. Palermo è attraversata da un flusso di circa 980 mila auto al giorno; ci sono 370 mila vetture immatricola..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, in un negozio sequestrati 200 chili di pesce

    Antimafia e legalità

    San Cipirello, 18 gennaio 2018 - Pesce in cattivo stato di conservazione e prodotti scaduti. Gli uomini della Capitaneria di Porto, agenti del commissariato e finanzieri di Partinico, e i veterinari dell’Asp hanno denunciato e multato il titolare di un esercizio commerciale a San Cipirello. Ele..

    Continua a Leggere

  • Monreale, investito un ragazzino in bici. Necessario il 118

    Antimafia e legalità

    Monreale, 18 gennaio 2018 – Attimi di paura a Monreale dove un bambino è stato investito da un’auto. L’incidente è avvenuto nei pressi di piazzetta Matteotti, meglio conosciuta come piazza Arancio. Un'automobile, secondo i primi racconti dei testimoni, avrebbe urtato contro il ragazzino di ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale