FAI-CGIL, FLAI-CISL e UIL-A: I PROVVEDIMENTI ADOTTATI DAL GOVERNO CROCETTA DESTANO ALLARME TRA I LAVORATORI DELLA FORESTALE.

0
Araba Fenice desk

Sindacati forestale logo “Il provvedimento adottato dal governo Crocetta per modalità, tempi e contenuti non può che rammaricarci e destare allarme tra i lavoratori”, così scrivono i sindacati confederali in una lettera al presidente della regione Crocetta e agli assessori Lo Bello e Cartabellotta.

Avendo appreso che, nell’ambito delle norme sul patto di stabilità per l’esercizio 2013, sarebbe stato bloccato il turn-over per i lavoratori forestali, così come introdotto dalla legge regionale 16/96, i sindacati chiedono un incontro col governo Crocetta, nel più breve tempo possibile, contestando il provvedimento, come si legge nella lettera, sia nel merito che nel metodo. “Nel merito perché, pur non comportando alcun aggravio di spesa, risulta penalizzante per le aspettative dei lavoratori interessati, già delusi per il mancato rispetto dell’accordo 2009 e del rinnovo del contratto integrativo, ed ora discriminati dalla sospensione di diritti conquistati anche attraverso notevoli iniziative di lotta. Nel metodo perché la sospensiva introdotta su tale diritto, giunge inaspettata e su scelta unilaterale del Governo, senza alcun confronto con i sindacati, che pure già da tempo Le hanno sollecitato un incontro a tutt’oggi disatteso. Poiché la scelta adottata non fa riferimento neppure all’indirizzo espresso di procedere al riordino del settore, essa rischia oltre che entrare in contrasto con le dichiarazioni da Lei espresse e dagli Assessori in indirizzo ribadite, anche a determinare ulteriore elemento di tensione tra gli operai forestali difficilmente contenibili”.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com