Costo rifiuti da 5 a 12 milioni? Capizzi durissimo sulla Pica: “Notizia falsa e faziosa”

"Non vi è alcun aumento di costo anzi, rispetto agli anni passati il costo si è notevolmente ridotto rispetto al passato"

Immobiliare Max

Monreale, 19 maggio 2017 – È durissima la replica del sindaco Capizzi alla nota del consigliere comunale Rossella Pica (PD). La consigliera aveva voluto anticipare un’interrogazione consiliare attraverso la quale metteva in allarme riguardo ai costi del servizio di raccolta dei rifiuti nel comune di Monreale; secondo la Pica 12 milioni di euro sarebbe il costo previsto nel piano di previsione 2017, una cifra enorme, considerando che nel 2016, nel bilancio di previsione, il costo previsto per il servizio ammontava a soli 5 milioni. 

“La pica – afferma il primo cittadino – cerca dei rimorsi di coscienza per non aver votato il bilancio professandosi ancora consigliere di maggioranza ma, ritengo, debba cercare altrove altre motivazioni”.

Capizzi ritiene una notizia palesemente falsa quella che vedrebbe un aumento fino a 12 milioni del costo della gestione dei rifiuti, che non troverebbe riscontro negli atti del bilancio. “Se la Pica leggesse bene il bilancio – chiosa Capizzi – non diffonderebbe notizie palesemente false, allarmanti, demagogiche e faziose. Si informi negli uffici per conoscere cosa riguardano quei 12 milioni”.

Secondo il sindaco, leggendo bene il bilancio ci si può benissimo rendere conto che nei 12 milioni di euro menzionati dalla consigliera sono stati inseriti sia il costo previsionale per il servizio 2017, sia le somme dei residui passivi, cioè le somme che si prevedono di pagare nell’esercizio in corso per gli impegni assunti negli anni precedenti. “Non vi è alcun aumento di costo – continua Capizzi – anzi, rispetto agli anni passati il costo si è notevolmente ridotto rispetto al passato. Oggi il costo dei rifiuti è perfettamente sotto controllo, è monitorato passo dopo passo, non abbiamo un solo centesimo di debito in relazione all’espletamento di questo servizio. Il servizio viene reso perfettamente con meno personale e orario ridotto”.

“Se la consigliera Pica ritiene di avere dei rimorsi di coscienza – conclude il sindaco di Monreale – e riscopre improvvisamente la sua qualità di consigliere di maggioranza, deve trovare motivazioni per giustificare la non votazione di un bilancio in perfetta linea con gli obbiettivi programmatici di un programma che lei stessa ha sottoscritto in campagna elettorale, le vada a cercare altrove ma non si lasci andare a queste considerazioni. Se pensava di voler fare un pesce d’aprile, ricordo a Rossella Pica che è in forte ritardo in quanto siamo già prossimi all’estate”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.