Concorso “Immaginario Arabo Normanno”: per la categoria “Community Unesco”, rivolta alle scuole, premiato il Novelli di Monreale

Hanno ritirato il premio l'insegnante Agata Grasso e il piccolo Andrea Disa, in rappresentanza degli alunni della classe V G

acqua park

Monreale, 23 aprile 2017 – Il patrimonio culturale che caratterizza e identifica un determinato territorio ne influenza il modus vivendi, gli assetti sociali, le prospettive. L’approccio pedagogico a tale patrimonio offre la possibilità di educare le nuove generazioni, attraverso la consapevolezza dell’importanza, non solo storica e artistica, ma, soprattutto, di tutela e protezione dei propri preziosi beni, fondamentali per l’identità culturale di ciascun cittadino, di ieri, di oggi e di domani. Diventa, pertanto, prioritario porre i più rilevanti beni storico-artistici e culturali all’attenzione del maggior numero possibile di giovani, i quali, a loro volta, possono appassionarsi e rinnovare anche in noi adulti tale interesse attraverso le loro ricerche, le loro scoperte, le loro intuizioni. I bambini e i ragazzi saranno in futuro detentori e guardiani del nostro patrimonio, per tale motivo deve essere loro offerta, oggi più che mai, l’opportunità di conoscerlo in maniera più approfondita e di amarlo incondizionatamente.

Monreale, con la sua splendida Cattedrale, fa parte del “Percorso Arabo-Normanno, dichiarato dall’UNESCO: “Patrimonio Mondiale dell’Umanità”. Un riconoscimento così prestigioso deve ancor di più supportare, nei ragazzi, la consapevolezza di ciò che di grandioso posseggono e che devono necessariamente  conoscere, amare e tutelare. La D.D. “P. Novelli”, con  la classe V G, ha partecipato al Concorso “Immaginario Arabo Normanno” svolto secondo i principi di conoscenza e rielaborazione del noto percorso, che comprende, oltre agli edifici della Palermo Arabo-Normanna e la Cattedrale di Monreale, anche quella di Cefalù.
Il Concorso ha selezionato 192 lavori da tutta la Sicilia. Tra questi ben 75 sono state le candidature per la categoria “Community Unesco”, rivolta alle scuole, con 20 istituti iscritti (tra questi scuole di Palermo, Monreale, Cefalù, Bagheria, Partinico, ma anche Catania, Ragusa, Agrigento). Le 50 opere finaliste, premiate, sono, in atto, esposte, fino al tre Maggio, in una mostra allestita a Palazzo “Sant’Elia”. Tra esse è presente l’opera della V G della Novelli: realizzata con smalti su vetro, essa riproduce e rappresenta la magnificenza e lo splendore  del Cristo Pantocratore, Fulcro Ineguagliabile  del Meraviglioso Duomo di Monreale.
Hanno ritirato il premio l’insegnante Agata Grasso e il piccolo Andrea Disa, in rappresentanza degli alunni della classe.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.