Antonella Giuliano: “Mortificazione del consiglio comunale, Capizzi sia il sindaco di tutti”

Il consigliere di CambiAmo Monreale annuncia il voto contrario al Bilancio di Previsione 2017

acqua park

Monreale, 20 aprile 2017 – Durissimo intervento di Antonella Giuliano durante la seduta odierna del Consiglio Comunale nel corso della discussione sugli emendamenti al Bilancio di Previsione 2017.

Il consigliere di CambiAmo Monreale ha denunciato la condizione di “profondo senso di sconforto e mortificazione politico del Consiglio Comunale derivante dalle difficoltà di poter incidere sulle scelte di governarce dell’amministrazione”. Questo senso di sconforto, secondo la Giuliano, coinvolgerebbe l’intera assise consiliare.

In particolare Antonella Giuliano ha posto l’accento durante il suo intervento sulla grave emergenza idrica che ha colpito nelle ultime settimane la frazione di Grisì. “Come tutti ormai sanno, la frazione di Grisì ha subito una crisi idrica senza precedenti. Dopo i mancati appuntamenti con il sindaco Capizzi, siamo riusciti a mettere con le spalle al muro l’assessore D’Alcamo, che ha preso l’impegno di risolvere in 8 giorni la problematica. Voglio sottolineare che il sindaco ha offeso la cittadinanza dicendo in una telefonata in viva voce: “chi ha bisogno di me mi trova in municipio a Monreale”. 

“Le ricordo – ha affermato la Giuliano rivolgendosi a Capizzi – che è il sindaco di tutti e deve fare il sindaco anche in tutte le frazioni, e non soltanto a Monreale centro”.

La Giuliano ha anche annunciato il proprio voto negativo al bilancio, adducendo una serie di motivazioni riconducibili al fatto che le decisioni e le indicazioni del consiglio comunale non vengono prese in considerazione dall’amministrazione. Diversi gli esempi fatti:

“Come richiamato dai revisori dei conti nella loro relazione nulla è stato fatto per attivare la procedura di Baratto Amministrativo deliberata dal consiglio a marzo.

Non sono stati destinati i Fondi del Parco Eolico alla frazione di Grisì.

Non è stata prevista la spesa per l’apertura della delegazione a San Martino, nonostante un odg approvato all’unanimità nel 2015.

A 5 anni dalla sua deliberazione non è stata ancora applicata la tassa di soggiorno.

Non è stata previsto il fabbisogno del personale per gli anni 2017-2019, condizione che implica un totale blocco delle assunzioni.

Non è stato dato seguito alla mozione approvata in consiglio sulla revoca del provvedimento che riconosceva l’indennità di risultato al Segretario Generale, chiedendo di conseguenza la restituzione delle somme”.

“Il consiglio comunale è stato ridotto ad un mero organo di ratifica – ha chiosato la Giuliano -.Invece di affaccendarsi sul lavaggio dei panni sporchi in casa PD, l’amministrazione si impegni a dare risposte e servizi efficienti ai cittadini”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

  1. Anonimo dice

    Chi parla è un cittadino di Grisì di una certa età. Volevo ricordare alla Giuliano in merito alla crisi idrica senza precedenti che naturalmente lei non avendo vissuto in questo paese non può sapere la crisi drammatica che Grisì ha attraversato negli anni precedenti dove Tutti i cittadini andavano cercando acqua ovunque e con qualsiasi mezzo. Mentre nella crisi idrica attuale da cittadino molto attento dico al Consigliere Giuliano che L’Amministrazione è stata super presente Non facendo mancare acqua ai cittadini anche con l’ausilio delle autobotti. Si possono contare sulle dita di una mano le persone che hanno avuto l’esigenza di comprare qualche autobotte di acqua!!.. credo che la Consigliera stia utilizzando queste poche lamentele per fare sciacallaggio politico!. E le voglio ancora ricordare che nessun Sindaco è stato presente nella frazione di Gris come Capizzi.
    In merito inoltre a qualche commento che ho letto di qualche paesano le volevo dire che c’è voluto molto più coraggio ad ascoltarla in consiglio comunale.