Pasqua a Palermo tra Zisa e Monreale: una città multiculturale. Percorsi di visita per adulti e bambini

Due speciali percorsi di visita, per riscoprire l’identità multiculturale di Palermo ripercorrendo la storia di due significativi monumenti della Sicilia del XII secolo: il Palazzo della Zisa e il Chiostro di Monreale

acqua park

Monreale, 14 aprile – Dal dominio arabo, all’avanzata dei normanni, la cultura araba si intreccia con quella latina.
Un costante dialogo interculturale che, attraverso i secoli, lascia segni evidenti nell’architettura, ma anche nel dialetto e nell’enogastronomia. A Pasqua due speciali percorsi di visita, a cura di CoopCulture con la Soprintendenza dei Beni Culturali di Palermo, per riscoprire l’identità multiculturale di Palermo ripercorrendo la storia di due significativi monumenti della Sicilia del XII secolo: il Palazzo della Zisa e il Chiostro di Monreale.

CHIOSTRO DI MONREALE
Il Chiostro delle Meraviglie!
sabato 15 aprile, ore 10.00 – 12.00 – 16.00
domenica 16 e lunedì 17 aprile, ore 10.00 – 12.00
visita ludico-didattica

Grandi e piccini saranno accompagnati in un suggestivo percorso lungo gli ambulacri del chiostro alla scoperta della storia del sito e alla ricerca dei personaggi più mostruosi e originali che decorano i capitelli e le colonne. I piccoli partecipanti, armati di fogli e matite, saranno guidati nel riconoscimento delle rappresentazioni del bene e del male. Alla fine del percorso una dolce sorpresa pasquale.

PALAZZO DELLA ZISA
“Le primavere arabe di Palermo, la Splendida”
sabato 15 aprile, ore 10.00 – 12.00 – 16.00
domenica 16 e lunedì 17 aprile, ore 10.00 – 12.00
visita didattica e letture ad alta voce

Una visita didattica dedicata alla storia di Palazzo della Zisa, emblema dell’inclinazione multiculturale e interculturale della Palermo arabo-normanna, crocevia di tradizioni lontane che influenzano il dialetto siciliano e fonte di ispirazione di appassionate rime di viaggiatori arabi e pellegrini di paesaggio. La visita di domenica 16 aprile delle ore 12.00 sarà condotta in parte in dialetto siciliano.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.