Monreale, appalto parcheggi e assunzioni. Il PD vuole vederci chiaro

Cinque consiglieri comunali inviano una interrogazione al sindaco sul rispetto della clausola sociale

Immobiliare Max

Monreale, 24 febbraio 2017 – A breve, probabilmente i primi di marzo, definite le ultime pratiche burocratiche, la A.C.S. AUTOMOBILE CLUB SERVIZI s.r.l, aggiudicataria della gestione dei parcheggi del comune di Monreale e dei gabinetti pubblici del parcheggio Torres, avvierà il servizio. La concessione varrà per i prossimi quattro anni.

La società, lo ricordiamo, aveva già vinto il precedente bando che prevedeva una gestione parziale del servizio, concentrato sul solo parcheggio Cirba, per la durata di tre mesi, a partire dal 9 agosto 2016. Al termine del trimestre aveva continuato a svolgere il servizio in attesa della definizione della gara quadriennale.

La ACS, in base alla clausola sociale inserita nel contratto di servizio, in caso di necessità di nuovo personale, dovrà attingere al bacino dei 12 ex dipendenti della Aurora, la cooperativa che per diversi anni aveva svolto il servizio. Ma è probabile che solamente 5 o 6 unità verranno richiamate, dato che la società subentrante dispone già di proprio personale.

Sulla questione una parte del PD monrealese vuole vederci chiaro, per scongiurare l’ipotesi che la società abbia fatto in passato e stia continuando a fare il gioco delle tre carte. Ossia quello di trasferire su Monreale personale proprio, già operativo in altri siti palermitani, dove invece assumere nuovi lavoratori. Un escamotage che aggirerebbe appunto la clausola di salvaguardia. Ma, lo ribadiamo, è solo una ipotesi tutta da verificare, sulla quale cinque consiglieri comunali del PD monrealese vogliono vederci chiaro, ponendo la lente di ingrandimento sul precedente affidamento trimestrale del servizio.

E così Sandro Russo, Rosanna Giannetto, Aurelia Di Benedetto, Rossella Pica e Manuela Quadrante hanno presentato al sindaco Piero Capizzi una interrogazione, con richiesta di risposta scritta ed orale, dove chiedono espressamente:

1) le ragioni per le quali non è stata rispettata la clausola sociale, norma prevista dall’art. 69 del D.Lgs n. 163/2006 inserita nel bando di gara che prevedeva l’assunzione degli ex dipendenti della cooperativa Aurora,

2) se la ditta  A.C.S. AUTOMOBILE CLUB SERVIZI s.r.l,  avendo trasferito a Monreale personale precedentemente assunto abbia nel contempo arruolato nuovo personale dipendente collocandolo nei posti rimasti scoperti.

3) se l’amministrazione abbia chiesto e provveduto a controllare il rispetto della norma attraverso la verifica del libro unico della ditta etc..

Il consigliere Sandro Russo sottolinea come nel 2016, in occasione della concessione trimestrale del servizio, in qualità di assessore aveva chiesto ed ottenuto l’inserimento della clausola di salvaguardia nel bando di gara, inviando al segretario generale del comune una direttiva al fine di monitarne il rispetto.

I consiglieri, per conoscenza, hanno voluto rendere note le richieste rivolte al sindaco ai Carabinieri di Monreale e al Comando di Polizia Municipale.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.