Presentata a Palazzo delle Aquile l’iniziativa “Un biglietto sospeso”

Il sindaco Orlando a fronte di questa iniziativa intrapresa dai privati, si è impegnato a far si che anche il Teatro Massimo di Palermo, partecipi attivamente

acqua park
Marchese

Palermo, 7 febbraio – A Napoli esiste una collaudata e generosa abitudine ed è quella che quando un cliente va al bar per consumare un caffè, oltre al suo ne paga un altro, dicendo alla cassa che è un sospeso. Sospeso non per lui ma per tutti i napoletani che non potendosi permettere neanche il costo di un caffè in questo modo godono di questo piccolo beneficio.

Bene, parafrasando questa consuetudine napoletana, il poliedrico consigliere comunale di Palermo, Giulio Cusumano, legale della Federteatri, che raggruppa ben 13 compagnie teatrali palermitane, unitamente al Presidente Francesco Giacalone, oggi pomeriggio, al Palazzo delle Aquile, alla presenza del sindaco Leoluca Orlando e dei rappresentanti di varie Associazioni di volontariato, ha lanciato la proposta del Teatro Sospeso. In pratica chiunque frequenti o partecipi a spettacoli teatrali, oltre al proprio biglietto, può pagare un biglietto a prezzo ridotto che si riterrà sospeso.

I vari Teatri, poi gireranno i biglietti sospesi alle varie Associazioni di volontariato che li destineranno a coloro che non possono permetterselo.

Un efficace modo di coniugare bisogni e cultura. Il sindaco Orlando a fronte di questa iniziativa  intrapresa dai privati, si è impegnato a far si che anche il Teatro Massimo di Palermo, partecipi attivamente.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.