Giannetto (PD): “Sull’emergenza scolastica incapacità gestionale”. Capizzi: “Problema del freddo arginato e ridotto al minimo”

Immobiliare Max

Monreale, 20 gennaio 2017 – La situazione dell’edilizia scolastica è stata al centro del Question Time che si è tenuto ieri pomeriggio presso l’aula consiliare Biagio Giordano.

Il consigliere Rosanna Giannetto, dell’ala del PD che sta all’opposizione, ha attaccato con una lunga requisitoria gli assessori al ramo, Nadia Olga Granà, responsabile all’istruzione e all’edilizia scolastica, Santo D’Alcamo, con delega alla manutenzione.

Al centro della sferzata i ritardi con i quali, secondo la Giannetto, l’amministrazione avrebbe affrontato l’emergenza freddo che ha causato forti disagi e interruzione delle lezioni in alcuni plessi. Nello specifico, il consigliere ha chiesto se l’amministrazione fosse a conoscenza delle problematiche delle singole scuole, se esiste un piano programmatico per gli interventi, se a fine dello scorso anno scolastico sia stato fatto un monitoraggio delle scuole così da effettuare gli interventi manutentivi in estate per non trovarsi in inverno a dovere affrontare le emergenze. la Giannetto ha lamentato la mancanza di capacità gestionale, soprattutto da parte dell’assessore competente impegnato a fare “la soubrette e la presentatrice”.

Infine ha voluto replicare alle dichiarazioni a mezzo stampa del primo cittadino che avrebbe più volte alzato le mani dinanzi alle emergenze delle scuole la cui competenza non è del comune: “La responsabilità è comunque del comune che deve intanto provvedere alla soluzione del problema anche di tasca propria per poi detrarre le somme spese dall’affitto pagato per i locali”.

Il primo cittadino ha replicato alla Giannetto: “Il bilancio di previsione 2016 è stato approvato a luglio dalla giunta. Successivamente si è espletata la procedura dell’accordo quadro per la manutenzione e abbiamo dato il via ai lavori di ristrutturazione di 2 batterie di bagni del piano terra dell’istituto Pietro Novelli, per la prima volta dopo 34 anni, dei solai della scuola Albano di Villaciambra, messi in sicurezza così come i locali della delegazione di Pioppo.

Sono tantissimi i plessi scolastici che insistono sul territorio comunale. Quasi tutti appartengono al nostro patrimonio immobiliare. Quelli di S. Martino sono all’interno dell’abbazia dei Benedettini dove, grazie al nostro intervento, l’anno scorso sono state create 5 nuove aule ed oggi non presentano criticità. Il problema dei riscaldamenti non nasce oggi. Su queste strutture non c’è impianto di riscaldamento. Abbiamo collocato piccoli termoconvettori.

A gennaio abbiamo avuto un problema atipico legato alle temperature straordinariamente rigide. Ma non abbiamo avuto problemi di criticità in tutte le frazioni.

Criticità ci sono state alla Gugliemo II, ubicata in locali in locazione da tanti anni. Gli impianti elettrici sono a norma, non possiamo posizionare impianti di riscaldamento perché non ne siamo proprietari né lo consentono le strutture. Abbiamo quindi collocato dei termoconvettori. Il problema del freddo è stato arginato e ridotto al minimo”.

Capizzi, cercando di smontare le polemiche, ha voluto precisare che mai nessuna amministrazione, neanche quelle precedenti, hanno sottovalutato le problematiche delle scuole, riconducibili sempre alla penuria di risorse economiche per il comune”.

La Giannetto, non soddisfatta della risposta alla sua interrogazione, ha replicato che il comune interviene per urgenze: “Appena ci sarà un altro freddo siberiano ci troveremo nuovamente in questo stato? Bisogna partire da un censimento degli edifici per capire quali istituti hanno criticità o meno per mettere adeguati fondi nell’apposito capitolo di bilancio”.

Anche l’assessore D’Alcamo ha voluto rispondere sull’interrogazione: “Una pianificazione degli interventi esiste, sono stati impegnati 150.000 € per l’accordo quadro delle manutenzioni edili”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

1 Commento

  1. Alessandra dice

    La Giannetto può risparmiarsi questa parafrasi nei confronti dell amministrazione del comune di monreale prima di sottolineare l operato del primo cittadino corregga l operarera del marito che essendo un pediatra travirgolette di fama a monreale che si esenta dal suo dovere per pregiudizi nel curare dei bambini parlo naturalmente per un fatto accaduto personalmente sicuramente quando si presenteranno le elezioni la voterò. Prima dai lezioni al dott Ferraro e poi al primo cittadino e mi voglio fermare qui perché nel periodo che il fratello ninni era pure al comune cazzate assai c è ne sono state in casa Giannetto