Almaviva, nuova protesta domani un altro sit in. Cisl: “No ai trasferimenti a Rende”

Immobiliare Max

Palermo, 9 gennaio – “Chiediamo il rispetto dell’accordo stipulato a novembre. I 60 lavoratori Almaviva passati a Exprivia per la commessa Enel, devono restare a Palermo, non possiamo consentire quelli che di fatto appaiono come dei licenziamenti”. Ad affermarlo sono Giovanni Gorgone Rsu Fistel Cisl e e Francesco Assisi segretario Fistel Cisl Palermo Trapani intervenendo sulla vertenza Almaviva nel giorno del sit in dei lavoratori, i 60 che oggi dovevano trasferirsi a Rende in Calabria.

“Proseguiremo lo sciopero indetto il 19 dicembre, non si possono separare le famiglie così, Exprivia la committente Enel deve rispettare l’accordo lasciando tutti i lavoratori a Palermo”. A dicembre si erano già trasferiti una decina di operatori. Domani alle 9 nuovo sit in davanti la sede dell’Enel in via Marchese di Villabianca. “È assordante il silenzio delle istituzioni nazionali, dopo il fallimento della trattativa sulla sede di Roma è calato il silenzio anche sulla vertenza di Palermo, il Mise ci convochi subito”. “Si salvino tutti i posti di lavoro nel capoluogo siciliano – conclude Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani – non è accettabile che siano sempre i lavoratori e le loro famiglie a pagare la mancanza di regole del settore delle telecomunicazioni. Si provveda a quel riordino atteso da tempo e inserito nell’accordo di luglio dello scorso anno, bisogna porre regole certe contro il massimo ribasso e le delocalizzazioni per salvare tutto il settore in crisi al quale bisogna dare segnali chiari”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.