Monreale. Posizioni organizzative, Giacopelli (CISL): “Sempre coerenti, indipendentemente dalla presenza o meno in giunta di familiari, amici o compari”

acqua park
ottica

Monreale 2 gennaio, 2017 – La decisione dell’amministrazione comunale di assegnare la posizione organizzativa a due funzionari, con la conseguente significativa riduzione, come denunciato dalla CGIL, del premio di produttività spettante agli altri 280 dipendenti comunali, ha sollevato a fine anno le ire di molti lavoratori.

La CISL ha invece aderito alla proposta dell’amministrazione e rivendica la coerenza della posizione assunta. Il segretario della funzione pubblica Nicola Giacopelli ha risposto alla nostra richiesta di chiarimenti:

“In merito alla prospettata istituzione di un paio di posizioni organizzative, l’attuale orientamento della Cisl-FP è in perfetta coerenza con quello assunto negli anni precedenti: eravamo e restiamo convinti che non si tratti di una scelta dell’amministrazione arbitraria, né tantomeno illegittima, in quanto pienamente conforme alle norme contrattuali che regolano il pubblico impiego”.

“Esistono peraltro verbali e documenti in base ai quali si dimostra che la nostra organizzazione sindacale, durante la precedente amministrazione, si è dichiarata favorevole all’istituzione di tali posizioni, purché in numero il più possibile limitato”.

Giacopelli sottolinea con forza la coerenza mantenuta negli anni sulla questione, e lancia una stilettata: “Ci sono verbali e documenti condivisi e sottoscritti anche dai rappresentanti della Cgil e del Csa. A tal proposito ribadisco, anche se penso sia chiaro a tutti, che le posizioni e gli atteggiamenti del nostro sindacato non cambiano, e non cambieranno, a seconda della presenza o meno in giunta di familiari, amici o compari”.

Una questione importante riguarda la modalità di compenso dei due funzionari. Silvio Russo (rappresentante CGIL) lamentava che sarebbero stati sottratti 24.000 € al FES dei dipendenti comunali, ammontante a 45.000 €. Una fetta consistente che avrebbe comportato la distribuzione di pochi briciole agli altri 280 dipendenti comunali.

“Per quanto riguarda gli aspetti finanziari della vicenda – risponde Giacopelli -, va ricordato che, secondo la vigente regolamentazione interna del Comune, il compenso massimo che può essere attribuito ai funzionari incaricati di posizione organizzativa non può essere superiore a 8900 euro lordi all’anno. Non è quindi corretto parlare, o straparlare, di altre cifre”.

Quali proposte avanzerà il suo sindacato?

“Come abbiamo già annunciato nell’incontro del 22 dicembre scorso, noi della Cisl-FP presenteremo al momento opportuno una specifica proposta, che, se accolta, consentirà di remunerare tali incarichi senza incidere per un solo centesimo sul fondo del salario accessorio spettante ai lavoratori dell’ente”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.