Un social per il sociale. Nasce su Facebook “Aiutando…ci” un gruppo di beneficienza e solidarietà

acqua park
ottica

Quante volte in famiglia o tra amici ci si scambia vestiti, scarpe e anche oggetti che magari non si usano più.

Proprio con questo scopo, un po’ per gioco nasce tra un gruppo di amiche: “Aiutando…ci”. Il gruppo creato su Facebook inizialmente chiuso a poche amiche, oggi conta circa 4000 membri; Maria Marino creatrice e amministratrice del gruppo, racconta come questa iniziativa di beneficienza e solidarietà nata su un social network stia diventando una realtà in forte crescita e parecchio apprezzata.

“Uno scopo comune quello di aiutarci a vicenda – afferma l’ideatrice Maria – in questo periodo di profonda crisi, non solo materiale, un aiuto morale come un semplice consiglio o un semplice sorriso può fare la differenza“.

Questa nuova forma di organizzazione sociale, permette l’incontro tra bisogni ed offerte: chi ha bisogno di qualcosa lo dice ,chi vuole offrire qualcosa lo fa’, in mezzo ci sono i volontari del gruppo che repentinamente hanno dovuto predisporre la raccolta e la distribuzione delle donazioni, ultimamente sempre più consistenti. Infatti, dodici collaboratori  “Coccinelle, Vichinghi e Amazzoni” si occupano della ridistribuzione dei beni raccolti in diversi punti di Palermo e dintorni, assegnandoli facendo riferimento ad una lista di richieste.

I volontari del gruppo presenziano a Piazzale Giotto due volte al mese il lunedì e ogni settimana il giovedì dalle 9:30 fino alle 12:00.

“Aiutando…ci” si impegna a coniugare forme di sostegno materiale ad atti di umanità dettati dalla sensibilità dei componenti, infatti spesso sono stati promotori di piccoli eventi che hanno cercato di regalare sorrisi e sorprese inaspettate sia a piccoli che a grandi.

Attualmente supportano l’associazione Gli angeli della notte, manifestando apertamente la disponibilità a collaborare, anche, con qualsiasi entità capace di arrivare nelle case di chi ha bisogno.

Insomma una rete sociale non indifferente, portata avanti da un gruppo di volontari “finanziati” dallo spirito e dalla voglia di aiutare chi si trova in una situazione non agiata e che necessita di aiuto.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.