Ufficio tecnico, pratiche a rilento. Geom. Palazzo: “Mi hanno tolto cinque unità. Andiamo avanti con grandi difficoltà”

0
Immobiliare Max

Monreale, 24 febbraio – Sono numerose le proteste provenienti negli ultimi mesi da geometri, ingegneri e architetti, la cui attività lavorativa è strettamente collegata alla efficienza dell’ufficio tecnico di Monreale. Tecnici che lamentano un rallentamento nell’evasione delle pratiche inoltrate, a causa della riduzione di personale in carico all’ufficio tecnico disposta proprio negli ultimi mesi dal dirigente, l’ing, Maurizio Busacca.

Una condizione lavorativa critica anche secondo il geometra Salvatore Palazzo, funzionario tecnico, che, in qualità di Responsabile dell’Unità Operativa, aveva più volte lamentato la riduzione di personale a sua disposizione.

A luglio 2014, dopo l’insediamento della nuova amministrazione, l’ing. Busacca aveva disposto il trasferimento del geometra Russo all’ufficio Patrimonio, del geologo Di Verde alla Protezione Civile, del geom. Piero Termini all’Acquedotto. In seguito anche il geom. Filippo Modica e la sig.ra Marinella Di Stefano erano stati spostati alla Protezione Civile.

Una serie di spostamenti che avevano depotenziato diverse aree dell’ufficio tecnico.

“A risentirne – spiega Palazzo – l’ufficio sanatoria (istruttoria), l’ufficio per il rilascio delle concessioni edilizie/autorizzazioni/comunicazioni/pareri, l’ufficio istruttoria pratiche di edilizia privata, l’ufficio istruttoria pratiche di edilizia pericolante”.

Il geom. Palazzo ha più volte sollecitato sia all’amministrazione che al segretario generale la necessità di ulteriore personale, ma non avrebbe ottenuto alcuna risposta.

In una nota del 23 dicembre 2014, indirizzata al segretario comunale, al sindaco e per conoscenza al dirigente tecnico Busacca, Palazzo ha fatto il quadro della situazione dell’organico. Si tratta di 16 unità, delle quali solo 8 sono di ruolo e a tempo pieno (36 ore). Invece altre sei lavorano per 24 ore, mentre 2 unità svolgono servizio part-time (18 ore settimanali, ex contrattisti passati di ruolo). Risorse insufficienti per smaltire la grande mole di lavoro e le numerose pratiche che passano dall’ufficio.

“Quattro spostamenti – spiega il Dirigente, l’ing. Busacca – sono stati resi necessari in ottemperanza alla normativa sulla trasparenza. Inoltre, per cause di forza maggiore (ci sono in corso due indagini da parte della magistratura, ndr), ho dovuto rinunciare ad altre due unità (una sospesa sino ad Aprile dalla magistratura ed un’altra spostata ad altro servizio dal segretario generale, la dott.ssa Ficano, ndr). Ho quindi redistribuito i carichi di lavoro agli altri amministrativi all’interno dell’Area, cosa che ha comportato qualche ritardo nell’evasione delle pratiche. L’amministrazione non ha ancora provveduto a sostituire queste unità”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.