Occupazione lavoratori ATO: stamane volantinaggio di sensibilizzazione

Immobiliare Max
Marchese

Monreale, 24 Febbraio. I lavoratori sospesi dal lavoro per il fallimento della società di gestione dei rifiuti nel nostro comune, l’ATO PA2, che dopo una prima occupazione il 10 Febbraio scorso, dal 20 Febbraio sono tornati ad occupare la sala rossa del Comune di Monreale, hanno allargato la loro protesta alla città, distribuendo stamane, per le vie monrealesi, un volantino informativo.

Nel volantino distribuito ai cittadini, gli ex dipendenti spiegano il perché della loro protesta, evidenziando quelle che, a loro avviso, sono le criticità e le stranezze della situazione attuale:

-mancato pagamento degli stipendi di Dicembre 2014 e Gennaio 2015

-mancato pagamento del TFR

-mancato pagamento della quattordicesima maturata in sei mesi di 2014

-mancata lettera di sospensione o licenziamento, quindi impossibilità di percepire assegni di disoccupazione

-cifre esorbitanti per l’affidamento alla ditta esterna del servizio a fronte di un servizio che non sarebbe soddisfacente

-quattro ex dipendenti che lavorerebbero per la stessa ditta esterna, che contestualmente, starebbe utilizzando mezzi dell’ATO

-accordo fra sindaci e sindacati non valido perché non firmato da tutte le sigle sindacali interessate.

-perché un buon numero di dipendenti, fra amministrativi ed operativi, non protesta?

In conclusione, i lavoratori lanciano alcune domande ai cittadini, cercando di stimolare la riflessione su una problematica che, fuor d’ogni dubbio, è estremamente complessa:

“Cittadini monrealesi”, si legge infatti alla fine del volantino, “vi siete chiesti se a fronte del sacrificio che ci impongono voi avrete tariffe più basse?

E vi siete chiesti chi pagherà questi 225.000 euro più iva con l’aggiunta degli ultimi 33.800 euro più iva?

E, se i tempi non ci confondono, noi, almeno sino alla data del 12/3/2015, non avremo nessuna risposta.

Nel frattempo, un altro mesetto di ditta esterna?”

 

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.