“Chiuso per pieno”: la storia dell’ecocentro di Pioppo

0
acqua park

Monreale, 30 Dicembre. Chiuso per pieno: è questo l’avviso che si può leggere davanti la porta dell’ecocentro di Pioppo, in queste condizioni dal 23 Dicembre scorso. E, in effetti, a chi si reca sul luogo, appare chiaro che l’avviso corrisponde alla situazione reale dell’ecocentro, in cui non vi è più posto per depositare i rifiuti differenziati, ad un giorno dalla scadenza del termine per il conteggio degli stessi rifiuti per l’anno 2014, in modo tale da usufruire degli sgravi previsti dall’imposta sui rifiuti per chi effettua raccolta differenziata.

“Come faremo adesso a dimostrare di aver raggiunto il limite per lo sgravio? A me mancavano 6 chili di rifiuti differenziati, che ho qui ma non posso consegnare”, dichiara un cittadino.

Se pensiamo poi che molti rifiuti facilmente infiammabili sono riposti quasi all’aperto, in questi giorni in cui vengono esplosi diversi petardi per salutare il nuovo anno, e che l’ecocentro ha sede nei locali sottostanti la delegazione municipale, ove si conservano importanti documenti in formato cartaceo e digitale, è facile rendersi conto di come la situazione sia rischiosa.

“L’ennesima dimostrazione dello stato d’abbandono della nostra frazione”, dichiara il consigliere comunale Giuseppe La Corte, che ha segnalato la situazione.

“Ma non solo, a ciò si aggiunge il mancato adempimento dei programmi sulla raccolta differenziata, tanto decantata ma poi disattesa nei fatti”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.