Tecnica della calamita: in arresto per furto di energia elettrica

0
Araba Fenice desk

Monreale 29 novembre – Sono tre le persone arrestate dai Carabinieri di Monreale e San Cipirello. Per loro l’accusa è quella di aver alimentato l’abitazione o gli esercizi commerciali con energia elettrica, per un periodo ultra quinquennale, manomettendo il contatore o allacciandosi, in toto, abusivamente alla rete dell’E.N.E.L.

Mirati controlli hanno consentito ai militari dell’Arma, coadiuvati da una squadra di tecnici dell’E.N.E.L. di trarre in arresto per il reato di furto aggravato, C. a., quarantenne, P. m., ventitreenne, entrambi con attività commerciali in San Cipirello e R. m., quarantaseienne, residente a Monreale.

Per i primi due è stata appurata la manomissione del contatore con l’utilizzo di una calamita, che consentiva di ridurre il consumo energetico e quindi di pagare, rispettivamente, soltanto il 9% ed il 3%, del reale consumo di energia elettrica dei loro rispettivi esercizi commerciali.

Per R. M. invece è stata verificata la presenza di un allaccio diretto alla rete elettrica pubblica con  il quale alimentava la propria abitazione, dove, tra l’altro è stato accertato anche un allaccio abusivo alla rete idrica. L’Autorità Giudiziaria ha disposto per tutti e tre il rito direttissimo presso il Tribunale di Palermo. In quella sede, il Giudice ha convalidato gli arresti ed ha disposto per C. A. la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria mentre P. M. ed R. M. sono stati rimessi in libertà in attesa del processo.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale