Costò 3 milioni di Euro, l’impianto di compostaggio dell’ATO mai entrato in funzione

1
tusa big

L’impianto di compostaggio dell’Alto Belice Ambiente è stato finanziato con fondi pubblici ma non è mai stato attivato, e per farlo servono 60 mila euro che i Comuni non trovano.

E’ stato inaugurato 5 anni fa ma da allora non è mai stato utilizzato. Stiamo parlando dell’impianto di compostaggio dell’Alto Belice Ambiente che si trova a Bisacquino. Come riporta il quotidiano online LiveSicilia, l’opera costata tre milioni, non è mai entrata in funzione. Paradossale è la situazione attuale in cui si cerca una discarica in cui andare a conferire i rifiuti dopo la chiusura “inaspettata” della discarica di Siculiana.

L’impianto riuscirebbe a contenere fino a 6.500 tonnellate all’anno di rifiuti organici e per farlo entrare in funzione basterebbe una cifra, stimata dall’ATO, di 40-60 mila euro. Un piccolo investimento, mettendolo a confronto con i costi esorbitanti di noli a caldo o costi di conferimento, che permetterebbe ai comuni che fanno parte dell’ATO 2 di risparmiare parecchi soldi. 
“Nell’ultima riunione che si è tenuta al dipartimento Rifiuti – spiega Terzo a LiveSicilia – alcuni degli stessi soci della società d’ambito, cioè i Comuni, si sono schierati contro l’attivazione dell’impianto”

Ben tre milioni di fondi pubblici gettati nell’immondizia.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale