Servizio gestione rifiuti. Il M5S è per la gestione in house

0
tusa big

E’ notizia di questi giorni quella relativa al disagio che i dipendenti della società d’ambito stanno vivendo, travolti nel turbinio dell’ormai prossima procedura fallimentare che li vedrà direttamente coinvolti.

Il M5s Monreale, per il tramite del suo Consigliere Fabio Costantini, ha fatto calendarizzare all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale di giovedì 27 Novembre 2014, la proposta di gestione diretta del servizio di raccolta integrata del ciclo dei rifiuti.

“La gestione diretta, nota anche come gestione “in house”,  – spiega Costantini – consente una maggiore tutela dei dipendenti della società d’ambito in quanto gli stessi verrebbero assorbiti e diverrebbero parte integrante della gestione comunale, attraverso la quale, l’Ente avrebbe anche modo di risparmiare ciò che invece l’esternalizzazione del servizio comporterebbe.

Si otterrebbe un servizio più efficiente e si ridurrebbero drasticamente gli sprechi. La scelta progettuale della gestione diretta del servizio integrato della raccolta dei rifiuti costituisce una sfida per l’Amministrazione Comunale, che certamente richiede un notevole impegno per la struttura organizzativa dell’Ente, ma che produce un consistente risparmio finanziario per l’Ente stesso e per tutti i cittadini, i quali pagheranno il tributo comunale della TARI in misura inferiore, con l’abbattimento dei costi dell’IVA e dell’utile dell’impresa (la differenza tra le due gestioni comporta differenze di costo verosimilmente quantificabili intorno ad 1,5 Milioni di Euro).

Si chiede dunque di annullare la decisione contenuta nella delibera del Consiglio Comunale risalente al Febbraio 2014 (riconducibile dunque alla precedente amministrazione), la quale, oltre a stabilire l’istituzione dell’Aro, contestualmente affida la gestione del servizio di raccolta dei rifiuti ad una società esterna (da individuarsi in seguito e con la quale sottoscrivere un oneroso ed impegnativo contratto per la durata di ben 7 anni). 
Inoltre, si badi bene, dalle somme rientranti nell’appalto eventualmente concordato, sarebbero comunque esclusi alcuni oneri nonché i costi relativi ai conferimenti a discarica (data la loro aleatorietà).

Quella della gestione diretta è una scelta coraggiosa che tutelerà i lavoratori dell’Alto Belice Ambiente offrendo al contempo un servizio più efficiente, economicamente più sostenibile e, infine ma non per ultimo, una città più pulita”.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale