De Magistris torna sindaco. Salvino Caputo comincia a sperare

0
Araba Fenice desk

Luigi De Magistris torna a sedersi sulla poltrona di sindaco di Napoli. Era stato sospeso un mese fa dalle sue funzioni di primo cittadino perché condannato per abuso di ufficio. Il reato risaliva alla sua attività di procuratore nel processo “Why not”. E in base all’applicazione della legge Severino, De Magistris aveva dovuto lasciare la carica di sindaco.

De Magistris ha poi presentato ricorso al Tar di Campania che ha accolto le sue motivazioni, basate sul fatto che la sospensione dalla carica di primo cittadino sarebbe conseguenza di un’interpretazione retroattiva della legge Severino, non conforme ai principi costituzionali.

Questa decisione ha acceso un lume di speranza per l’ex deputato regionale Salvino Caputo, protagonista di un caso molto simile. Caputo, nel novembre 2013, aveva dovuto lasciare lo scranno dell’ARS dopo che nei suoi confronti era diventata definitiva una condanna a un anno e cinque mesi per tentato abuso d’ufficio. Dopo Caputo anche Silvio Berlusconi aveva subito la tagliola del decreto Severino e aveva dovuto lasciare il posto in Parlamento.

Adesso si accende un barlume di speranza per Caputo. I suoi avvocati hanno richiesto il testo dell’ordinanza del TAR della Campania, per verificare se i criteri di incostituzionalità sollevati da De Magistris possano trovare applicazione anche nella vicenda di Caputo.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale