Tornano i ragazzi del liceo ‘E.le Basile-M. D’Aleo’ dopo aver trascorso tre settimane a Londra

0
tusa big

Monreale, 30 ottobre – Meraviglia: questa è la parola chiave per rendere al meglio l’emozione provata durante il viaggio nel Regno Unito. Grazie al progetto europeo ‘Di Nuovo in Gran Bretagna’,i ragazzi dei licei classico, scientifico, artistico e agrario hanno potuto godere di un’attività formativa dai molteplici aspetti.

Lo scopo di tali progetti è quello di migliorare l’uso della lingua del paese da visitare e conoscere nuove usanze e costumi; tutto ciò con l’obiettivo di aprire la mente e creare una connessione tra il proprio vissuto e uno stile di vita differente da quello quotidiano.

Nonostante qualche problema con l’organizzazione delle visite e questioni ancora da chiarire,il soggiorno inglese ha dato l’opportunità ai nostri ragazzi di rapportarsi con un gruppo eterogeneo e una cultura completamente nuova. Tutto ciò ha permesso una notevole crescita personale poiché gli studenti hanno dovuto confrontarsi tra loro e trovare punti d’accordo e disaccordo; ognuno ha scoperto meglio le proprie paure e il modo per affrontarle;ogni singolo ragazzo ha conosciuto tanto di sé e del proprio carattere.

Il programma del viaggio prevedeva un corso in lingua di quattro ore dal lunedì al venerdì presso lo ‘Shakespeare’s College’,al termine del quale i ragazzi sono stati sottoposti ad un esame per ottenere la certificazione del proprio livello; visite libere concordate con gli accompagnatori durante i pomeriggi settimanali e visite guidate nei giorni di sabato e domenica.

Un ritmo frenetico che a volte ha creato un’eccessiva stanchezza ma che ha permesso di apprezzare e comprendere al meglio la vita londinese.

Durante il viaggio i ragazzi hanno avuto l’opportunità di visitare la ‘Tower of London’ ai cui piedi vi era un immenso prato cosparso di tulipani rossi come memento dei caduti della Prima Guerra Mondiale; il famosissimo ‘London Bridge’ trafficato da turisti di tutti i paesi,il principale stupore è stato il colore blu che è proprio della corona; l’incantevole città di Canterbury che ha offerto sensazioni di pace e tranquillità,qui un gruppo di ragazze ha assistito agli evensongs,ovvero i vespri,nella cattedrale del luogo,queste le parole delle ragazze: “Prendere parte ai vespri inglesi è stato veramente emozionante,il suono dei campanelli che accompagnavano la preghiera ci ha trasportate in una dimensione parallela. Questa è armonia pura.”

Altra città che ha lasciato senza parole i giovani è stata Camden Town,luogo eccentrico e bizzaro dove si è potuta osservare una cultura molto aperta e giovanile,priva di pregiudizi;apprezzatissimo il mercato di Camden Town in cui si può trovare tantissimo cibo di strada proveniente da tutto il mondo e tantissimi oggetti affascinanti e realizzati a mano. Altro mercato visitato è stato quello di Covent Garden,il quale però è stato meno apprezzato poiché definito dagli studenti ‘un mercato da signori,non da ragazzi’. Meravigilioso e multiculturale invece il mercato di Portobello in cui i giovani si sono divertiti. Tra i numerosi musei sono da ricordare la ‘National Gallery’ e il ’British Museum’ che hanno coinvolto il gruppo con emozioni differenti da persona a persona.

Il luogo adorato dai ragazzi è stato l’ Hard Rock Shop&Museum,nel quale oltre ad uno shopping d’obbligo hanno avuto l’opportunità di meravigliarsi con dei cimeli di numerose star della musica mondiale.

Delusione invece dalle visite a Greenwich,Cambridge e Stratford upon Avon,dettata dal poco tempo trascorso in tali luoghi,dalla poca organizzazione,dalle stressanti ore di viaggio e dall’assenza di visite che si pensavano pagate. Per tale motivo gli studenti non hanno avuto l’opportunità di visitare nessun college di Cambridge,né il planetario di Greenwich,né il luogo natale di Shakespeare. Un gruppetto di curiosi ha cercato di sfruttare al meglio il tempo e i luoghi offerti,rimanendo comunque con un po’ di amaro in bocca.

Viste mozzafiato si sono potute ammirare dalla chiesa di St. Paul e dallo spettacolare ‘London Eye’.

 Durante gli ultimi giorni gli studenti sono stati sottoposti a stress per l’imminente esame ma ciò non ha ostacolato i momenti allegri e giocosi. Un gruppo molto aperto che ha goduto non solo della reciproca compagnia ma anche di quella di ragazzi di istituti napoletani e calabresi che soggiornavano nello stesso hotel. Ciò ha permesso di mostrare una grande comprensione e voglia di conoscere e amare gli altri. In seguito ad un momento di riunione promosso da uno degli accompagnatori i giovani hanno avuto modo di confrontare la propria esperienza con quella degli altri ed è emerso che,avendo visto e vissuto le stesse cose,le emozioni provate sono state differenti e ciò è stato accettato come ricchezza per gli altri.

Il giorno della partenza vi sono stati sentimenti contrastanti; tra la voglia di riabbracciare i propri cari si è intrufolata anche un’immensa malinconia per ciò che si stava lasciando,per le meravigliose persone conosciute e la voglia di rimanere ancora un po’ in quel luogo incantevole.

Per tutto ciò si ringrazia chi ha offerto questa meravigliosa occasione formativa,ovvero il liceo ‘E.le Basile-M. D’Aleo’, i coraggiosi e pazienti accompagnatori,il competente staff e le preparatissime insegnati dello Shakespeare’s College e ovviamente tutti i meravigliosi ragazzi senza i quali questo progetto non sarebbe stato lo stesso. Londra e la sua magia rimarrano custodite per sempre nei loro cuori.

 

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.