Lo Biondo: “lo Stato d’insolvenza dell’Alto Belice Ambiente una sentenza già scritta tempo fa”

0
Elettorale Russo

Monreale, 27 Ottobre. Dopo la notizia riguardante la dichiarazione dello stato d’insolvenza dell’alto belice ambiente, da parte del tribunale fallimentare di Palermo, torna sulla questione Massimiliano Lo Biondo, componente dell’assemblea provinciale del Partito Democratico, che da tempo ha posto l’accento sulle numerose anomalie della stessa società.

Magari una spesa enorme come quella dei 75.969.595,00 €, solo fino al 2012, fosse stata resa produttiva”, dichiara infatti Lo Biondo.

“Per anni ho posto al centro delle mie battaglie politiche questa (non) gestione, sempre definita straordinariamente scellerata dove:

– mancavano i soldi per le visite mediche dei lavoratori;

– i lavoratori non percepivano con regolarità gli stipendi;

– non si versavano con regolarità i contributi previdenziali;

– non avveniva con regolarità la cessione del 5° dello stipendio alle finanziarie;

– i creditori non venivano pagati

– la raccolta differenziata non è mai partita, nonostante le prese in giro e gli annunci.

Tutto questo a fronte dello sperpero di denaro con la questione delle discariche, delle spese sul carburante e dei noli, a caldo e a freddo!

Di fronte a tutto questo c’è stata sempre l’arroganza di chi (non) gestiva e di chi si girava dall’altra parte, pur di curare il proprio orticello!

Una indifferenza persino quando ho portato in Procura la relazione-esposto su questa vergogna (non) gestionale che è stata l’ATO PA2. Oggi sarebbe il caso che qualcuno spiegasse alla città, ai lavoratori e ai creditori, anche al sottoscritto, la ragione “politica” di tutto quel silenzio, di quel girarsi dall’altra parte! Perché i primi che meritano una risposta su quelle (non) ragioni e sul futuro sono i lavoratori dell’ATO PA2 e i creditori

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale