IL (DIS)SERVIZIO DELLA 389 VISTO DAI LAVORATORI E DAGLI STUDENTI PENDOLARI

0
tusa big

Monreale, 26 Settembre – Da sabato 20 Settembre è stato riattivato il servizio di trasporto pubblico per collegare Monreale e Palermo con la linea “389”. La convenzione stipulata tra i due comuni, da tanto tempo attesa, è stata immediatamente accolta dalla città con grande e generalizzato favore, in particolar modo da studenti e lavoratori pendolari.

Ma sono proprio queste categorie che, trascorsa la prima settimana di rodaggio, hanno sollevato diverse perplessità sulla qualità del servizio di trasporto pubblico fornito dall’AMAT, evidenziandone le inefficienze e i disservizi.

Abbiamo raccolto le tante riflessioni e lamentele inviate in redazione o postate sulla nostra pagina Facebook, che potrebbero costituire un valido supporto all’amministrazione comunale per rivedere i termini della convenzione.

I maggiori reclami riguardano soprattutto il ridotto numero di corse effettuate che andrebbero a coprire una fascia della giornata troppo ristretta, impedendo a quei lavoratori che lasciano il capoluogo intorno alle ore 20,00 di “acchiappare” l’ultima corsa del 389 al capolinea di Piazza Indipendenza. La convenzione stipulata prevede infatti che l’ultima vettura parta da Palermo alle 20,10. Stesse lamentele arrivano da chi deve giungere a Palermo per prendere servizio in ufficio o entrare in classe entro le 08,00 del mattino. In base alla zona da raggiungere, soprattutto se è necessario effettuare un cambio di linea, può diventare impossibile riuscirvi anche con la prima corsa, che lascia Monreale alle 07,00. “Io non riesco ad arrivare in orario in Via Notarbartolo dove ho l’ufficio” – lamenta una lettrice.

Altro reclamo diffuso riguarda i lunghi tempi di attesa tra una corsa e la successiva che, come prevede la convenzione, non sono mai inferiori ai 70 minuti. Durante le ore di punta, il traffico di Corso Calatafimi fa allungare ulteriormente i tempi d’attesa e anche i più caparbi sostenitori del servizio pubblico alla fine cedono e ritornano, se ne hanno la possibilità e con molto rammarico, all’uso del mezzo privato.

Il costo dell’abbonamento. “Sino a qualche mese fa – scrive un’altra lettrice – per i lavoratori fuori sede il costo dell’abbonamento era di € 20,00 al mese in quanto (anche se negli ultimi due anni il servizio non c’è stato) la “differenza” veniva pagata dal Comune di Monreale. Dal primo luglio 2014 il costo dell’abbonamento è di € 32,00. Ma se adesso c’è la convenzione tra i due comuni il nostro abbonamento tornerà a costare 20,00?”

L’altro argomento al centro del dibattito è il tragitto della linea 389 che serve solo una parte del paese. Secondo molti lettori sarebbe stato più utile far percorrere la circonvallazione di Monreale con capolinea in via De Gasperi. Servirebbe e andrebbe incontro alle esigenze di un maggior numero di cittadini.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.