ZUPPA AL SAPORE DI MARE

0
tusa big

Sono confusi e senza via d’uscita, non capiscono immediatamente cosa sta succedendo ma appena alcuni compagni iniziano a morire quello a cui si assiste è una lotta disperata alla ricerca della salvezza.

Succede in Giappone, e si ripete ormai da anni; è una scena macabra e ciò che ne rimane alla fine è un lago diventato rosso col sangue dei delfini che galleggiano lì tutti morti brutalmente.

Mettiamo subito da parte il pensiero che tutto questo accade per mano dei giapponesi ma anzi paragoniamo questo avvenimento a quello che succede qui e in ogni altro posto su questa Terra all’interno dei mattatoi, perché la carne da macello, che sia carne di mucca, delfino, cane, maiale, è sempre carne da macello e che piaccia o no ognuno sceglie quella che preferisce.

Ci sconvolgiamo perché l’immensa bellezza dei delfini non può essere distrutta così, ma è solo questa che fa la differenza e quando si parla di morte la bellezza non è un dettaglio che può cambiare le cose.

E il problema è più semplice di quel che pensiamo, lì i delfini abbondano quindi se ne fa materia prima per un fruttuoso commercio, qui abbondano mucche e maiali quindi li commerciamo dandogli la morte, e così sempre in ogni luogo, ma il fine è la ricchezza, senza differenza alcuna tra la nostra e le altre culture.

ZUPPA AL SAPORE DI MARE

Ingredienti

1 scalogno

1 barattolo di polpa di pomodoro

1 piatto di alghe miste – wakame, hiziki, kombu

1 manciata di pistacchi

½ bicchiere di vino bianco

Cipolla

Aglio

Peperoncino

Olio

Prezzemolo

Scorza di limone

Zafferano

Sale e pepe

Sciacquate le alghe e lasciatele in ammollo per 15 minuti per farle reidratare.

Intanto in un pentola fate soffriggere: due cucchiai di olio, due spicchi d’aglio e la cipolla tagliati a pezzetti, lo scalogno e il peperoncino.

Lasciate per 10 minuti aggiungendo dopo i primi 5 il vino bianco.

Dopo 10 minuti aggiungete la polpa di pomodoro e le alghe tagliate a pezzi non troppo piccoli con l’acqua utilizzata per la reidratazione.

Mettete sale e pepe e lasciate sul fuoco per 15 minuti.

Appena pronta, prima di toglierla dal fuoco, grattugiate la scorza di limone, sciogliete nella zuppa lo zafferano, mettete dentro il prezzemolo e i pistacchi e fate cuocere ancora per pochi minuti.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Acquapark Monreale
Acquapark Monreale