Dopo aver disoccupato,i ragazzi del liceo ‘Basile’ incontrano l’arcivescovo Pennisi

0
tusa big

 Come già annunciato, nella giornata del 16 Dicembre l’istituto ‘Emanuele Basile’ si è riunito in assemblea per decretare se e come continuare la propria forma di protesta. 

In seguito ad alcuni dibattiti anche accesi tra la componente studentesca, gli alunni hanno deciso di disoccupare i locali scolastici e quindi riprendere il normale svolgimento delle lezioni.
Nel pomeriggio della stessa giornata, un gruppo di ragazzi, che ha portato avanti la protesta credendo fermamente nel proprio operato e sacrificando il proprio tempo per l’intera comunità scolastica, è riuscito ad ottenere un incontro con l’Arcivescovo monrealese Mons. Michele Pennisi.
A tale incontro hanno preso parte F. Arena, esponente dell’associazione ‘Vele del Sud’ , due collaboratori del medesimo, e gli studenti Antonio Pirri, rappresentante dell’istituto, Luigi Alfano, Giuseppe Lo Vecchio, Simona Schiera.
Un dialogo decisamente chiarificatore e proficuo quello avviato tra il rappresentante d’istituto e l’arcivescovo; l’obiettivo era quello di mettere in luce i problemi riguardanti il parcheggio antistante la struttura scolastica e capire in che modo poter intervenire per evitare gli attuali problemi quali fosse,fango e allagamento ad ogni pioggia.
Dalla discussione è emerso che Mons. Pio Vigo nell’anno 2000 donò l’immobile alla Provincia di Palermo, riservando,però, l’utilizzo e la proprietà del parcheggio al Seminario monrealese.
L’arcivescovo ha mostrato particolare interesse per i problemi riguardanti la struttura e anche il futuro degli studenti, avviando una comunicazione partecipata da tutti i membri presenti, consigliando riunioni,conferenze,sensibilizzazione e informazione, affermando che “la scuola è molto importante. E’da lì che usciranno coloro che dovranno andare a governare il nostro paese. Il futuro è nelle mani dei giovani.”
A fine incontro gli studenti hanno proposto un incontro all’interno dell’istituto scolastico in data da definirsi.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.