Grisì: oggi scioperano le mamme degli alunni delle scuole elementari e medie

0
tusa big

Antonella Giuliano, membro del gruppo spontaneo nato a Grisì per protestare contro i disagi vissuti dagli alunni delle scuole elementari e medie, ha inviato una lettera in redazione per sensibilizzare l’amministrazione ad intervenire prima possibile.

Oggi 02 Dicembre 2013 si è dato il via allo sciopero indetto dalle mamme dei ragazzi di Grisi perché, nonostante i reiterati ed accorati appelli presentati innanzi all’amministrazione comunale, quest’ultima, non si è attivata tempestivamente all’adeguamento e all’accensione dei sistemi di riscaldamento che – a dire di alcuni portavoce del sindaco – dovevano invece essere attivati già Venerdì 29 Novembre. A seguito di problemi relativi al collaudo della caldaia, ad oggi 2 Dicembre non si è ancora giunti ad una soluzione.

Le problematiche denunciate dalle mamme degli alunni delle scuole medie ed elementari non si riferiscono unicamente al mancato funzionamento del sistema di riscaldamento ma anche, e soprattutto, alle condizioni di mancata salubrità in cui versano gli edifici scolastici. Anzitutto si è chiesto all’amministrazione comunale (assente alla manifestazione) di provvedere a garantire in primis il diritto alla salute e il diritto a condurre l’attività scolastica a condizioni sanitarie adeguate. Nello specifico è opportuno dire che si combatte su 2 fronti:

– Da una parte si chiede la bonifica dei locali scolastici ormai in disfacimento a causa del tempo, (ricordiamo infatti che l’edificio di Via Cesare Gaglio ad es. è stato costruito ben 60 anni fa e, da allora, nessuna opera di bonifica ed adeguamento è stata effettuata). Si lamentano freddo, spifferi, infiltrazioni, si evidenziano problemi sanitari quali la presenza di condensa e muffe che possono rivelarsi letali in alcuni casi di allergie e, più in generale, deterrenti per la salute di chi, come i bambini, sono più sensibili alle condizioni esterne.

D’altronde è vero che la normativa vigente in materia di riscaldamento (D.P.R 412/93 in attuazione della L. 10/91) prevede che l’accensione dei sistemi di riscaldamento debba avvenire non prima del 1 Dicembre ma ricordiamo ai nostri amministratori:

a) La possibilità di derogare tale norma attraverso un’apposita ordinanza del Sindaco che, evidenziando lo stato di necessità, poteva ben anticipare tale data (Vds caso di Sulmona);

b) Il collaudo degli impianti, delle caldaie e dei sistemi di riscaldamento va fatto a tempo debito (e cioè ad apertura dell’anno scolastico) non al 29 Novembre!!!

D’altro canto si combatte per l’ottenimento di strumenti e suppellettili atti a garantire lo svolgimento didattico di attività quali ad es. l’informatica o l’educazione fisica. Ma anche la basilare attività scolastica è messa a repentaglio; a causa della cosiddetta” mancanza fondi” gli studenti, infatti, devono provvedere a proprie spese anche per il minimo indispensabile come ad es. per l’acquisto del sapone o della carta igienica. Insomma la situazione è ormai divenuta insostenibile ed è per tale ragione che le mamme intimano un’azione quanto più celere nella risoluzione delle problematiche sovra enunciate, in caso contrario, lo scioperò perdurerà ad oltranza.

Come al solito le frazioni sono lasciate nel totale stato di abbandono e in balia degli eventi…

Restando in attesa di determinazioni ufficiali ad opera del comune, in tal senso, non ci resta che aspettare confidando nel buon senso e nell’efficienza dell’azione amministrativa”.

Antonella Giuliano

 

FOTOGALLERY

{gallery}grisisciop{/gallery}

 

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.