Consiglio Comunale: manca l’amministrazione, tutto rinviato

0
acqua park

Monreale 16-10-2013 – Si è svolto questo pomeriggio l’ultimo atto del Consiglio Comunale indetto in seduta d’urgenza il giorno 11 ottobre.

Essendo caduto il numero legale durante la votazione di ieri, in cui dovevano essere approvate le modifiche al regolamento della Consulta Giovanile, il consesso ha ripreso oggi i lavori analizzando i vari emendamenti previsti dal documento.  Tutte le votazioni, effettuate per singolo emendamento, hanno avuto esito positivo consentendo l’approvazione dell’intero regolamento proposto dall’assemblea dei giovani circa un anno fa.

La discussione si è spostata quindi sul terzo punto all’ordine del giorno: il debito fuori bilancio nei confronti della signora Lea Giangrande.

Il primo intervento sull’argomento è stato del Consigliere Pippo Lo Coco il quale ha suggerito subito al consiglio il ritiro della proposta di approvazione del debito e che venga chiamato a relazionare il dirigente di competenza affinchè faccia luce su questo debito che – ha affermato – “Graverà sui cittadini ma che invece dovrebbe gravare sui dirigenti dell’ufficio”. Lo stesso Lo Coco, al termine del proprio intervento, ha sottoposto ai colleghi consiglieri una pregiudiziale di rinvio dell’argomento.

Il Consigliere Santo D’Alcamo, dopo aver dichiarato il proprio parere favorevole al rinvio della discussione, ha ricordato all’esiguo numero di  consiglieri rimasti in aula, che la commissione che si era occupata di esaminare il debito, aveva espresso parere favorevole ma a condizione che fosse stata verificata la responsabilità che ha fatto maturare questo debito. Secondo D’Alcamo ciò non sarebbe stato fatto. “È ingiusto che il Comune debba pagare 650 mila Euro per un errore di un funzionario o un disguido” ha dichiarato D’Alcamo.

Il Consiglio é stato quindi chiamato a votare la pregiudiziale di rinvio della discussione che è stata approvata in attesa di una analisi più approfondita da parte dell’amministrazione. Il punto verrà ripreso in un prossimo consiglio.

Anche l’ultimo punto all’ordine del giorno ha subito un rinvio; stavolta motivo del rinvio è stata l’assenza di un rappresentante dell’amministrazione comunale che avrebbe dovuto relazionare sull’operato del legale Terranova nell’anno 2011.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.