Cominciamo a parlare di TARES, prima puntata

0
tusa big

ESEMPIO

Supponete di essere proprietario di un pullman che effettua trasporti, e che vi venga in testa di stabilire quanto dovete far pagare ai passeggeri per sostenere le spese del trasporto. Avete bisogno di sapere quanti Km dovete percorrere, quanto costano gli eventuali pedaggi autostradali, quanto costa il carburante, quanto consuma il vostro mezzo, quanti anni ha il vostro mezzo che periodicamente ha bisogno di manutenzione, etc….

Siccome siete un tipo preciso volete far pagare i vostri passeggeri non in maniera uguale ma a seconda di quanto pesano, perché voi sapete che più pesa un passeggero, più l’automezzo consuma (è intuitivo che trasportare un bimbo di una diecina di chili di peso non è la stessa cosa che trasportare vostra suocera che, al netto del peso della borsa che porta sempre con sé, peserà almeno 8 o 10 volte più del bambino).

Bene, per fare tutti questi calcoli avete bisogno di dati, il più possibile vicini alla realtà. Vi serve quindi sapere appunto tutto: Km, litri, pedaggi, consumi, etc… Ma, se uno dei dati è sbagliato o peggio, non è veritiero, capite da soli che non si può programmare con esattezza il costo per passeggero. Allora capiterà che il passeggero più pesante (vostra suocera) pagherà, in proporzione, in misura minore del bambino che pesa 10 volte di meno, facendo cadere uno dei presupposti di equità che volevate applicare. Se non sapete quanto distante sia la vostra meta, non saprete quanti litri di benzina serviranno per fare arrivare il pullman a destinazione; infine se non sapete quanto consuma il vostro pullman, non sarete in condizione di fare carburante in maniera sufficiente oppure ne farete troppo, di conseguenza appesantendo il mezzo e quindi consumando di più. Stanchi? Allora per oggi vi basti sapere che per applicare la TARES e soprattutto per applicarla equamente servono tanti dati (il più possibile vicini alla realtà) e che, se le prime notizie di stampa sono affidabili (al momento in cui scrivo non c’è ancora una bozza del Regolamento che dovrebbe essere il presupposto per l’applicazione della TARES), allora sarà interessante conoscere tutti i dati che servono per cominciare a fare dei calcoli, non facilissimi, ma certamente utilissimi, altrimenti l’imposta rischia di favorire vostra suocera a scapito del bambino. Volete aiutare vostra suocera? Beh, se è così, parlare di TARES potrebbe essere inutile.

P.S. Le suocere non me ne vogliano: le amo tutte indistintamente.

Continua…

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.