Salvo Leto: il Partito Democratico può essere orgoglioso

0
tusa big

Con la presentazione delle firme e della documentazione richiesta, le tre candidature delle Primarie del PD “Monreale Sceglie” sono state convalidate. Le 1250 firme prodotte, unite alle oltre 200 registrazioni già effettuate tramite il sito web costituiscono una base di partenza di circa 1500 iscrizioni.

“Con i miei sostenitori abbiamo deciso di produrre tutte le 450 firme previste come massimo numero presentabile – dichiara Salvo Leto – e lo stesso ha fatto Vittorio Di Salvo, a testimonianza di un’intensa attività di contatto e coinvolgimento che ha impegnato e impegnerà nei prossimi giorni tutti e tre i candidati”.

Secondo il candidato alle Primarie, alla luce di questi numeri, la competizione potrebbe verosimilmente produrre un numero di iscritti superiore a 2.000. “Non era mai successo che a Monreale si attivasse un simile meccanismo di inclusione democratica per la scelta di un candidato e di questo il Partito Democratico può essere orgoglioso”.

Leto considera prezioso il lavoro che in questi ultimi mesi il PD ha attivato: “Un lavoro di relazione, ascolto, dialogo e contatto condotto non solo dai candidati ma da tanti militanti e simpatizzanti che si sono appassionati a questa esperienza di coinvolgimento e apertura politica, tappa fondamentale di un percorso che mira a costruire una forte alternativa di centrosinistra per il governo di questa città”.

Un ringraziamento Leto lo manda al segretario cittadino Fabio Ganci che ha saputo costruire “un appuntamento che non è più soltanto un bene del PD ma anche degli elettori che nelle primarie hanno trovato un mezzo democratico di espressione e partecipazione”.

“Voglio ringraziare – conclude – quanti nel partito si sono spesi e si spenderanno nei prossimi giorni per la riuscita di questa importante consultazione attenendosi ai principi programmatici e nel pieno rispetto della sovranità decisionale del direttivo in continuità e coerenza con l’intero percorso di questi mesi”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.