Il cantastorie di Monreale: intervista a Dario Venturella

0
tusa big

 

Dario Venturella intervistato da FiloDiretto MonrealeUn pomeriggio di Settembre, per le vie di Monreale. Una giornata di sole, e musica in sottofondo ai piedi della cattedrale; ma stavolta non viene da qualche automobile di passaggio, o da un bar. A ben guardare, c’è un ragazzo, si è fermato qualche minuto fa, ha imbracciato la sua chitarra, tirato fuori un po’ di aggeggi strani, li ha costruiti apposta, ed ha iniziato a suonare. Arcano svelato, è Dario Venturella, musicista che ha deciso di andare fuori dallo spazio chiuso di una sala prove, per allietare questa giornata. I turisti si fermano, di ogni nazionalità, alcuni cantano insieme a lui, che ha per tutti un sorriso aperto e una canzone pronta, quasi leggesse ciò che vuoi.
Ci avviciniamo, e decidiamo di intervistarlo per voi. 
Una bella storia quella di Dario, 44 anni che non si vedono, che ha deciso, da geometra ben avviato, di cambiare la sua vita dedicandosi alla musica, lasciando da parte i giudizi affrettati di chi lo guarda con occhio indagatore, portando in strada le sue esperienze, le sue battaglie e le sue canzoni, per regalare sorrisi e momenti di riflessione.
Racconta la sua storia, ed è un fiume in piena, canta la sua prima canzone, ‘Tutto questo’, che sembra scritta addosso ad ogni uomo che nella vita ha dovuto fare una scelta difficile. 
E chiude la chiacchierata con un appello, da ascoltare, e perché no, da seguire, perché ognuno di noi può trovarsi ad avere una passione, che in un momento particolare della sua vita, può aiutarlo a superare mille difficoltà.
Le parole scritte sono terminate, vi lascio ai video dell’intervista e del brano e ad una sua frase:

“Non promisi al mondo di cambiare, perché in quello che ero non c’era niente di male ma feci in modo di essere qualcuno…”

 

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.