Cantieri lavori: un’opportunità per circa 200 cittadini monrealesi

0
acqua park

Se adeguatamente sfruttata, si tratta di un’occasione di lavoro importante per circa 200 cittadini monrealesi appartenenti alle fasce più deboli, specialmente in un periodo in cui il comune non riesce ad aumentare la spesa sociale. Ma è anche un’opportunità da non lasciarci sfuggire per finanziare importanti servizi per il nostro territorio.

Il Governo regionale di centrosinistra guidato dal Presidente Crocetta nelle settimane scorse ha stanziato 50 milioni di euro in favore di un bacino potenziale di 20.000 lavoratori appartenenti a famiglie disagiate, come misura di sostegno al reddito. Nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, venerdì 23 agosto 2013 è stata pubblicata la direttiva per i CANTIERI LAVORO che contiene le modalità di adesione per i comuni.

Entro il 22 settembre i comuni dovranno redigere uno o più programmi di lavoro, finalizzati ad integrare o ampliare i servizi comunali: attività di custodia e pulizia dei parchi, servizi e giardini; attività di manutenzione stradale e decoro urbano; attività di accudimento alle persone anziane e ai diversamente abili; attività di raccolta rifiuti solidi urbani e raccolta differenziata.

Salvo Leto, candidato alle primarie del PD, entra nel merito della questione: “Considerato lo stato in cui versa Monreale con le sue frazioni e considerate le vaste aree di disagio socio-economico presenti in tutto il territorio, il nostro comune deve fare il massimo attivando una task-force per presentare numerosi progetti capaci di migliorare le condizioni di molti servizi, a cominciare dalla manutenzione delle strade e del verde pubblico, dal decoro urbano, ma anche per assicurare servizi alle persone anziane o con handicap”.

Si tratta di un’opportunità importante per il comune e per le fasce di cittadini meno abbienti, che, prosegue Leto “può offrire un sostegno al reddito per tre mesi ad almeno 200 persone che verranno impegnate per 80 ore mensili. Infatti, applicando il criterio della popolazione da censimento ISTAT, il comune di Monreale, se presenterà i progetti, dovrebbe vedersi assegnati almeno 450.000 euro, utili per almeno una decina di cantieri di lavoro”.

Al comune spetta realizzare quindi programmi di lavoro dettagliati che devono prevedere la tipologia delle attività da svolgere, le modalità di svolgimento, l’ubicazione, il numero dei soggetti da impegnare. Ogni programma di lavoro deve prevedere l’impegno da minimo 10 a massimo 20 unità per un totale di 80 ore mensili e per tre mesi. Nelle more che il servizio del dipartimento regionale del lavoro esamini ed approvi i programmi di lavoro da ammettere a finanziamento ed elabori il piano di riparto delle somme disponibili, i comuni possono pubblicare apposito bando, per dare la massima pubblicità all’iniziativa.

Ai cantieri lavoro potranno accedere soggetti di età compresa tra i 18 ed i 65 anni, residenti da almeno 6 mesi nel comune di Monreale.

Il 50% dei lavoratori dovrà essere costituito da giovani di età compresa tra i 18 ed i 36 anni, un 20% dei posti è riservato ai soggetti da 37 a 50 anni mentre un altro 20% ai soggetti ultracinquantenni, il 5% va a favore di soggetti immigrati in possesso di regolare permesso di soggiorno per motivi di lavoro o per ricongiunzione familiare, infine il restante 5% spetta a portatori di handicap, riconosciuto dalla competente commissione sanitaria.

Vista l’importanza della questione, e soprattutto i tempi stretti, Leto sottolinea come “il Consiglio Comunale debba riunirsi con urgenza per definire le priorità e gli indirizzi progettuali che devono ispirare le scelte del Comune di Monreale.”

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.