L’amministrazione comunale rinuncia a razionalizzare e a riqualificare la spesa

0
Immobiliare Max

 “L’amministrazione non ha elaborato ed approvato il ‘piano di razionalizzazione e riqualificazione della spesa’ previsto dall’art. 16 del decreto-legge 98 del 2011, attuabile anche mediante la riduzione dei costi della politica e di funzionamento”. Questo l’allarme lanciato dal segretario aziendale monrealese della CISL – Funzione Pubblica, Nicola Giacopelli. “Attraverso questo ‘piano’, che andava approvato entro il 31 marzo scorso, sarebbe stato possibile coniugare virtuosamente i processi di riorganizzazione e di riqualificazione della spesa con l’opportunità di incrementare le risorse destinate al salario accessorio spettante ai lavoratori comunali. Ed invece sinora nulla è stato fatto, preferendo seguire la strada del pesante aumento dei tributi locali e quella del ricorso all’indebitamento per pagare i debiti pregressi”.

Quali proposte vengono dal sindacato?

Per la riduzione dei costi della politica e di funzionamento sono attuabili certamente vari interventi. Basti pensare alla possibile, anzi doverosa, limitazione delle sedute delle commissioni consiliari, che si riuniscono spessissimo senza rispettare le norme statutarie e regolamentari dell’ente e senza che nessuno, segretario generale in testa, intervenga per evitare questi ‘abusi‘.

Sicuramente possono realizzarsi significativi risparmi nelle spese per le locazioni passive. Voglio ricordare ad esempio la vicenda degli ‘inutili’ locali presi in affitto a Pioppo per i quali si spendono 6.000 euro al mese. Si dovrebbe anche risparmiare sulle spese postali, utilizzando il più possibile per le spedizioni il fax o la posta elettronica, sulla telefonia, sia fissa che mobile. Senza dimenticare che ‘abbiamo’ un esperto nominato dal sindaco (peraltro suo collega di studio…) che ci costa e del quale si potrebbe senz’altro fare a meno.”

Quali risposte ha ricevuto il sindacato dinanzi a queste proposte?

Lungamente e con tenacia la nostra organizzazione sindacale ha insistito affinché questo ‘piano’ venisse adottato: purtroppo, però, i vertici politici e dirigenziali dell’ente ai nostri propositivi suggerimenti hanno contrapposto l’indifferenza ed il silenzio, rivelandosi in tal modo disinteressati ad una iniziativa che certamente avrebbe portato concreti benefici alle finanze del Comune ed anche, di conseguenza, vantaggi per i tartassati cittadini monrealesi”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.