Per la prosecuzione dei contratti dei precari ancora nessun accordo tra amministrazione e sindacati

0
tusa big

Sono attualmente 84 i dipendenti impiegati al Comune di Monreale con contratto a tempo determinato, prorogato, con delibera 106 della giunta regionale del 30 aprile, fino al 31 luglio. Ad essi si vanno ad aggiungere i nove lavoratori “ASU” (ex Cooperativa Idra), con contratto prorogato fino a fine anno.

Ieri è stata pubblicata la circolare con la quale il Dipartimento Regionale del Lavoro ha definito le direttive attuative a cui gli enti devono attenersi per formalizzare la prosecuzione sino al 31 luglio prossimo dei rapporti di lavoro del personale destinatario del regime transitorio dei lavori socialmente utili.

“La legge regionale 9 del 15 maggio scorso – afferma il segretario aziendale della Cisl-FP, Nicola Giacopelli – ha stabilito che le singole amministrazioni possono definire le procedure per la prosecuzione dei contratti dei precari solo previo accordo con le organizzazioni sindacali”

Alla luce di questa norma, CISL e CGIL hanno chiesto un immediato incontro con l’amministrazione per sottoscrivere questa intesa. “Spiace notare – dichiara Nicola Giacopelli, segretario aziendale della CISL –FP, che sino ad oggi purtroppo non è stata disposta alcuna convocazione. L’accordo fra le parti poteva benissimo essere stipulato nei giorni scorsi, mentre anche in questa occasione si è preferito adagiarsi sulla tattica attendista”.

I contributi destinati a finanziare all’80 per cento le spese per i cosiddetti “contrattisti” vengono erogati dalla Regione seguendo l’ordine cronologico di presentazione delle relative istanze: “E’ quindi di tutta evidenza – sostiene Giacopelli – che l’accumularsi di ogni ritardo si ripercuote inevitabilmente sui tempi per l’ottenimento dei fondi regionali: c’è da sperare che il sindaco Di Matteo, che si è sempre dimostrato attento alle problematiche dei lavoratori precari, intervenga sollecitamente ed autorevolmente per superare questa fase di impasse che poteva e doveva essere evitata”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.