Io, lui, l’altro e la Tunnina

0
tusa big

Ho appreso, nel corso di una passeggiata ‘ncapu u caicco, da un prufissuri dell’università degli studi di Palermo, di biologia marina o chiss’acciu iu, che a curpa unn’è dei giappunisi, noti manciatari di tonno crudo, ma nostra: na manciamu tutta e ora a tunnina si sta estinguendo!

E mentri mi ammaraggiavo e amareggiavo costa costa e anelavo la terra ferma, chiancìa: unu picchì prigioniera ‘nmenzu u mari un putìa né scappari e manco fuiri, due picchì, mi pirsuarivu che presto, u sapuri da tunnina sarà solo un ricordo di vecchi nostalgici comu a mmia.

DSCN0624Sulla tavola di casa mia il tonno rosso è sempre comparso a fine aprile, e in occasione della festa du tri di maggiu, del SS Crocifisso, mangiamo, a pranzo pasta chi pisidduzzi frischi e a cena, tunnina ca cipuddata.

St’annu nenti! Giustu st’annu, ca c’era l’ospite d’onore.

N’appimi accuntintari sulu da pasta chi piseddi, pa sira fici na frittata ‘nto sucu.

A tunnina era ancora a mmari!

Ma iu, chi sugnu licca, ca un ci vogghiu rinunciari, cu l’ospite d’onore, ca è puru liccu di tunnina, e camurriusu come a me patri, ninni amu a Trapani a ciccalla.

Dopo aver setacciato na poco di pescherie trapanesi, e recitatu preghieri a sant’onofriu u pilusu, emu a scuppari in una pescheria a Paceco, che alla parete, esibiva un bellissimo poster raffigurante la mattanza di Favignana, dove spiccava la riccioluta chioma bionda del mitico Clemente, noto tonnaroto favignanese.

Il pescivendolo, un picciotto troppu graziusu, avia un tunnu appina piscatu.

Dopo un breve scambio di conoscenze gastronomiche, u picciotto, cu falari ‘nsangatu e a mannaia ‘n manu, mi taliava ‘nta l’occhi spatiddati e mi dicia: signò è un priu parrari cu llei, si viri ca nni capisci di cucina, chi ffa tagghiu?

Scossa da quella visione e da quella richiesta, stringendo forte la mano dell’ospite d’onore che cull’occhi mi faceva coraggio, ci rispunnemu all’unisono: Ca taghiassi!

Ni ficimu tagghiari, na para di fedde di surra pi falla arrustuta, cocchi fedda da parti da spadda pi fallu ca cipuddata, e un pocu di spezzatinu pi fallu cu sucu.

Con la borsa termica piena di tunnu chi facia pazziari, io e l’altro, ci siamo messi in macchina per affrontare il viaggio di ritorno.

Arrivata a casa, tutta priata con la preda in saccoccia (accattata cu tutti i dinara), mi accingevo, in cucina, a selezionare e congelare, e intanto, arrivava Lui, me patri, che catammero catemmero, sfuttennu mi dicia: ma chi ci accatti sti cosi? Tu avìa accattari u cunigghiuni!

‘Nca beddamatri! Lì per lì mi parsi na parulazza!

Papà! Queste cose non si dicono!

– Scimunita! U cunigghiuni è a parti da cura, a chiù morbida e menu grassa, picchì u tunnu usa a cura comu timoni, e con la mano mi faceva vedere come, e quindi travagghia sempri.

I musculi chi travagghianu assai su sempri i chiù pregiati, mittitillu ‘nto ciriveddu testa di lignu! Sempre grazioso, mio padre! Avrei reagito all’onta, ma pi un sapiri né leggiri e né scriviri, mi stetti zitta per evitare che la discussione si protraesse fino a notte fonda, e poi avevo testa a come cucinare a surra se arrustuta, o chissà magari mi sarei inventata una ricetta! Sulla base delle mie conoscenze gastronomiche sia messinesi che trapanesi che palermitane e ancora memore delle ricettine di nonna Nina, mi sono inventata un sughetto molto buono!

Surra Arrustuta alla mia maniera

 

Ingredienti per 4 persone:

4 fette di tonno

pomodorini

limone

aglio

menta

olio sale pepe.

È un piatto piuttosto semplice da realizzare.

Fare scaldare una padella e mettere le fette di tonno ad arrostire, intanto che il tonno cuoce mettere i pomodorini puliti e tagliati a metà in un’altra padella e farli scottare appena, spegnere il fuoco e aggiungere olio, succo di limone, uno spicchio di aglio rigorosamente schiacciato con un cucchiaio di legno, abbondante mentuccia, sale e pepe.

Appena il tonno è cotto sistemarlo in un piatto da portata e coprire con i pomodorini tiepidi

Modestia a parte, è viene fuori un sughetto così delizioso ca si liccanu puru i piatta!

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.