IMU: gravi ripercussioni per le casse del comune di Monreale in caso di sospensione del pagamento della prima rata

0
Immobiliare Max

Oggi il Consiglio dei Ministri si riunirà per approvare il decreto di rinvio del pagamento della prima rata dell’Imu sulla prima casa.

Da quest’anno tutto il gettito derivante dal pagamento dell’IMU finirà nelle casse dei comuni, che non godranno più dei trasferimenti erariali. Si attua così un nuovo tassello del processo del federalismo fiscale. Quindi, la decisione attesa per oggi in Consiglio dei Ministri comporterà inevitabilmente importanti ripercussioni ed è destinata a creare enormi problemi ai flussi di cassa di tutti i comuni.

Alla sospensione potrebbe seguire la definitiva soppressione. E’ questa la volontà dichiarata del centro-destra.

Tutti i comuni attendono adesso che lo Stato trovi immediatamente risorse sostitutive.

Per Monreale, il gettito atteso dal versamento della prima rata dell’IMU sulla prima casa, alla luce dell’ultimo incremento dell’aliquota dal 4 al 6 per mille è di circa € 750.000.

E’ anche su queste previsioni di entrata che è stato costruito il bilancio pluriennale di riequilibrio e anche il bilancio 2013, in fase di ultimazione. Quella dell’IMU, inoltre, era stata considerata un’entrata abbastanza certa, dato che sul pagamento dell’imposta si registra una bassissima evasione fiscale (circa del 10%), a differenza di quanto avviene con la TARSU (40%). La prima rata dell’IMU si sarebbe dovuta pagare entro il 16 giugno, e l’importo atteso ammonta quasi a tre quarti di quanto versato mensilmente per gli stipendi dei dipendenti del comune e dell’ATO.

Per Monreale, come per tanti altri comuni, è quindi vitale che il governo, approvando oggi la sospensione del versamento della prima rata, trovi subito le risorse sostitutive da destinare ai comuni. 

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.