CONCA D’ORO – FORESE 1 – 4

0
tusa big

Dopo pochi minuti il Forese si porta in vantaggio con un goal dalla lunga distanza su cui Modica non può far nulla. Il Conca d’Oro però vuole reagire e attacca con molta grinta mettendo in difficoltà il portiere avversario, prima con Filingeri che colpisce la traversa e poi svariati tiri che però trovano sempre ben posizionato l’estremo difensore. Il Forese si fa vivo con una bella azione sulla sinistra, l’arbitro decide per la regola del vantaggio su un fallo al limite dell’area e l’esterno della squadra ospite colpisce la traversa da ottima posizione. Allo scadere del primo tempo però arriva il goal di Di Piazza dai 25 metri, che insacca all’angolino basso riportando il risultato in parità.

Il secondo tempo comincia bene per le monrealesi con una bella discesa sulla sinistra per Filingeri che crossa in mezzo, la difesa avversaria respinge male sui piedi di Di Piazza che tenta il tiro a volo e manda di poco alto sopra la traversa.

Solo dopo 10 minuti il Forese interrompe il pressing monrealese con un bel tiro dal limite dell’area che va alto sopra la traversa. Al 15′ torna di nuovo in vantaggio il Forese con una punizione dai 30 metri su cui Modica non calcola bene la traiettoria e non riesce ad evitare il goal. Il Forese è gasato e si presenta più volte al tiro mancando però di precisione. Il Conca d’Oro sembra arrendersi e al 21′ è ancora il Forese su calcio di punizione che si rende pericoloso, ma la palla va fuori. La squadra di casa non riesce a reagire e ancora un tiro dalla lunghissima distanza beffa Modica che si fa nuovamente fregare al 30′ da una palla non troppo potente ma molto precisa sotto la traversa. Dieci minuti più tardi, una disattenzione di Arcangelo sulla trequarti permette alle avversarie di imbastire l’azione offensiva e su un cross teso sul secondo palo il regista del Forese colpisce bene mettendo all’incrocio dei pali la palla del 4 a 1 finale.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.