PIERO CERAULO SEGRETARIO DELLA FILLEA CGIL: NON GIOCHIAMO AD INTESTARCI LE BATTAGLIE

0
Immobiliare Max

la convocazione delle ditte per provare ad assumere personale locale e, insieme alle organizzazioni sindacali, provare a scrivere una lettera a Crocetta per capire quali sono le opere che si possono sbloccare.

Oggi, Piero Ceraulo, segretario della Fillea Cgil, che si occupa delle problematiche dei lavoratori edili, si dissocia dalla protesta messa in atto dai disoccupati che hanno occupato i locali del Comune in piazza Vittorio Emanuele già da due giorni. “Forme di protesta eclatanti non appartengono alle nostre modalità” aveva già anticipato in una nostra precedente intervista. “Ci possono essere anche dei momenti in cui la gente può non avere lucidità”.

La delegazione, che adesso occupa i locali del Comune di Monreale, rivendica quella che era la piattaforma condivisa appena qualche giorno fa nella sede ufficiale del sindacato. “Noi ci dissociamo dalle modalità utilizzate perché non sono le nostre. Il sindaco ha preso un impegno con la nostra organizzazione, afferma Ceraulo, e diamo per scontato che l’impegno del sindaco ci sia, abbiamo ritenuto di dare dei tempi tecnici, invitando le aziende che stavano svolgendo dei lavori edili nel territorio di Monreale a fare una discussione e capire se c’erano delle aperture occupazionali”.

A causa di alcuni problemi però, era stato impossibile organizzare una riunione la settimana scorsa, ma c’era in previsione un incontro per la prossima settimana.

“Si crea così una spaccatura che non fa bene per le attività che vogliamo svolgere nel territorio, queste non sono le nostre modalità di protesta; noi ogni lunedì abbiamo sempre un incontro permanente del comitato alla Camera del Lavoro presso la CGIL. Quella è la sede per fare una sintesi e se l’amministrazione ritarderà sugli incontri e sulla programmazione che ci eravamo dati noi organizzeremo altre forme di protesta”.

Le motivazioni che muovono i lavoratori comunque sono le stesse.

Piero Ceraulo ci tiene a precisare che la richiesta di incontro col Presidente Crocetta è stata fatta dalla FILLEA CGIL, che chiede l’intervento dell’amministrazione per dare più peso alle rivendicazioni. Auspica, inoltre, che si faccia un lavoro in squadra per non giocare ad intestarsi le battaglie. Si deve fare, insieme, un percorso per dare risposte ai cittadini “oppure così facciamo soltanto propaganda e noi non siamo abituati a farlo”.

Ricevi tutte le news

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.