DIETRO UNA MEZZ’ORA

0
tusa big

 

Lo spettacolo s’intitola “Alice nel Paese delle Supermeraviglie” ed è una speciale rivisitazione della favola di Lewis Carroll, con la presenza di altri personaggi Disney, come Simba e Pinocchio, Pinco e Panco, e gli Aristogatti; ma ci sono anche nonna Pina, una simpatica zebra e tanti alberi e fiori magici. “La storia di Alice nel Paese delle Supermeraviglie è popolata da strani personaggi… e chi meglio di noi?” così presenta lo spettacolo Graziana, una delle mamme dell’associazione. Questa recita speciale nasce dalla voglia dei ragazzi di ripetere la bellissima esperienza fatta con “La Sirenetta”, il primo spettacolo messo in scena dall’associazione, ed è reso possibile dal supporto del Ce.S.Vo.P. (Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo), che fornisce risorse materiali e, soprattutto, risorse umane, tra cui i ragazzi di VIP (“Vivere In Positivo”). Non tutti sanno, però, che dietro questa mezz’ora di divertimento ci sono storie davvero speciali. C’è un lavoro incredibile portato avanti dai ragazzi, dalle loro famiglie, ma anche dagli amici e dai tanti volontari che non si tirano indietro neanche quando c’è da ricoprire parti buffe, come i ruoli di alberi e fiori magici. “Qui insegniamo ai ragazzi ad affrontare la vita con ironia e con il sorriso sulle labbra. Durante le prove ci siamo divertiti tantissimo, i ragazzi si sono impegnati al massimo e hanno preso tutto così seriamente da essere addirittura ansiosi di entrare in scena. Speriamo, inoltre, di riproporre lo spettacolo in futuro”, aggiunge Graziana. In effetti, basta solo guardarsi intorno e vedere quanta felicità è riuscita a dare questa mezz’ora di spettacolo, per trovare subito la voglia di riprovarci e mettersi di nuovo in gioco. Per me avvicinarmi a questa realtà e assistere a questo spettacolo è stato come entrare in un mondo quasi incantato, anzi, “supermeraviglioso”. Ed io, per un attimo, mi sono davvero sentito come Alice…

Ricevi tutte le news

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.