CRITICA LA POSIZIONE DEL CONSIGLIERE LO BIONDO (PD) SUL FINANZIAMENTO PER SANARE I DEBITI CON L’ATO PA2

0
Immobiliare Max

Lo Biondo contesta la poca chiarezza riscontrata nell’appurare la natura dei costi

Monta la polemica sulla dichiarazione dell’amministrazione monrealese di volere riconoscere il debito con l’ATO PA2 al fine di accedere al finanziamento regionale che permetterebbe di sanare l’esposizione debitoria del Comune nei confronti del Consorzio. Si tratta, come ha illustrato l’ass La Fiora, di un finanziamento restituibile in 20 anni senza interessi. Una necessaria boccata d’ossigeno per le casse comunali. Non sembra si tratti di un’occasione ghiotta per il consigliere Lo Biondo (PD), perché il rimborso “come i ripetuti aumenti TARSU, graverà sulle tasche dei cittadini. Ma così nessuna luce sulla spesa pubblica sarà mai fatta”. Chiede il consigliere che venga fatta una perlustrazione dei costi dell’azienda, perché i cittadini sono comunque chiamati a sostenere “una spesa cresciuta a dismisura: da 3,2 milioni di euro a 7,8 milioni di euro.” Lo Biondo contesta la poca chiarezza riscontrata nell’appurare la natura dei costi: “… quando ho chiesto, in qualità di consigliere comunale, la copia di tutti i contratti di nolo me ne è stato dato soltanto 1.” Il consigliere critica anche che “l’amministrazione nulla ha detto e fatto di fronte al fatto che nei formulari tecnici, dei quali personalmente ne ho copia, la quantità di rifiuti portati in discarica era spesso inferiore alla quantità massima che un mezzo poteva portare. In questo caso continua a essere lecito pensare che la quantità che rimaneva a terra era quella necessaria per poter garantire altri giorni di nolo dei mezzi. Sempre pagati dai cittadini.“

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.