Tutto tutto niente nente… SS 186

0
acqua park

La SS 186 è ormai chiusa da mesi, oggi intanto si è verificato un incidente tra due auto lungo la strada vecchia.

MONREALE 22/11/2012 Chiusa da mesi e nel cuore dell’anno scolastico, la ss 186 rimane, come già detto più volte, un problema non solo per gli studenti ma per tutti in maniera trasversale: commercianti, consumatori, studenti, genitori, insegnanti, lavoratori e datori di lavoro. E’ inutile perdersi in cronistorie che ormai servono a poco ed è altrettanto inutile rinnovare il nostro disappunto verso i proclami dei politici di questi ultimi giorni poiché anche questo non servirebbe a nulla se non ad aumentare lo sconforto e la rassegnazione dei cittadini. Certo è che le dichiarazioni e le promesse dei politici si sono affollate come le spiagge a ferragosto e tutti hanno promesso impegno e costanza per la risoluzione del problema in tempi record; su diverse testate giornalistiche, anche on line come Tele Jato o Corriere del Mezzogiorno, nelle scorse settimane sono state rilasciate dichiarazioni da parte di alcuni politici che lasciavano sperare in interventi veloci in considerazione della ben nota dichiarazione di somma urgenza. La SS 186, guardando però alla sostanza dei fatti, è una strada chiusa, sulla quale, nonostante già da giorni o meglio da settimane si è annunciato l’avvio tempestivo dei lavori, rimane un punto interrogativo enorme. Inoltre questa mattina sul tratto alternativo per raggiungere Partinico due auto, sulle quali viaggiavano anche alcuni studenti, sono state protagoniste di un incidente stradale. Questo tratto di strada, nonostante rappresenti (per chi viene da Pioppo e Monreale) l’alternativa più veloce per raggiungere Borgetto e Partinico, è parecchio pericoloso per via dei numerosi tornanti e dei limiti che in alcuni punti presenta la sede stradale (limitata larghezza, dossi, buche ecc…). Infine, proprio ieri, l’ultimo Summacco tv documentava come sul tratto della SS 186 chiuso non ci fosse segno di caduta massi men che meno di lavori in corso. Stefano Lo Coco http://www.youtube.com/watch?v=sz24jdHz6Jg

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.